Milinkovic Savic: è l’uomo che cambia le sorti della Juve?

Milinkovic Savic: è l’uomo che cambia le sorti della Juve?


Milinkovic Savic grazie alla reboante stagione trascorsa, ha attratto a sé i riflettori delle squadre di mezza Europa. La Juventus è ovviamente tra queste e nonostante si sia già mossa tanto sul mercato in entrata, sembra essere una delle pretendenti più accanite per accaparrarsi il fenomeno serbo.

Milinkovic Savic, pedina chiave per raggiungere la vetta d’Europa

Marotta da questo punto di vista è storicamente un predatore infallibile. Quando si presenta l’occasione di acquisire un giocatore che depotenzi le concorrenti (vedi Pjanic e Higuain), solitamente è più spietato di un cobra dagli occhiali.

Purtroppo per la Juve nessuna delle precedenti e paragonabili operazioni ha portato al reale obiettivo che col passare del tempo diventa sempre più ossessione, la Champions League. Milinkovic Savic potrebbe rappresentare l’uomo giusto per “estrarre la coppa dalla roccia”.

L’approdo in caso di cessioni

È quasi impossibile che un investimento del genere non passi prima da alcune cessioni. Il vero colpo della Juve sarebbe riuscire a trattenere Pjanic, dando così vita a un centrocampo con pochi eguali al mondo.

Il garbuglio non è così facile da districare. A oggi il bosniaco, tentato dalle sirene catalane, sembrerebbe il candidato ideale per generare un profitto tale da innescare questo circolo virtuoso.

Milinkovic Savic è l’uomo giusto?

Idealizzando l’operazione è ovvio che sono maggiori i pro dei contro, ed è di questo avviso anche il padre di Milinkovic Savic.
Secondo lui, come ha dichiarato nel corso dell’intervista per Tuttosport, la Juve sarebbe la destinazione ideale per il figlio.
Conosce già il campionato e al fianco degli altri nomi altisonanti può ambire al massimo in tutte le competizioni.

A sostegno di questa teoria è intervenuto anche Marco Bucciantini a “L’Originale” di Bonan e Di Marzio dichiarando che “bisogna rendersi conto che si stanno acquistando due straordinari giocatori, non uno soltanto. Milinkovic, fenomeno tecnico e tattico a centrocampo, e Savic, straordinario incursore capace di essere un attaccante aggiunto”.

Marco Persichitti