Iván Marcano e Felipe, le colonne dei Dragões