Simone Pepe: "La Juve è qualcosa di diverso da tutte le altre"

Simone Pepe: “La Juve è qualcosa di diverso da tutte le altre”


Simone Pepe e la Juve. La Juve e Simone Pepe. Storia di un amore sbocciato sin da subito. Perché i tifosi bianconeri non hanno dimenticato gli anni passati con la Vecchia Signora. Intervistato da La Gazzetta dello Sport, il centrocampista del Pescara ha parlato della sua avventura con la Juventus.

SIMONE PEPE E LA JUVE

simone pepeLa Juve è qualcosa di diverso da tutto il resto, quando ci entri capisci cosa vuol dire, devi vincere perchè prima di te gli altri lo hanno fatto e quelli dopo lo faranno. Può essere l’anno buono della Champions, nella serata di Berlino ero devastato dal dolore anche se ero solo una comparsa”. Con la maglia bianconera, Pepe ha giocato 95 incontri mettendo a segno 13 reti.

Oltre ai senatori, Simone Pepe è rimasto impressionato da un giocatore in particolare: “Tra quelli che mi hanno stupito di più, escludendo Pirlo e Buffon, mi ha stupito Vidal. Era quello più intenso anche in allenamento, trascinava la squadra con il pressing, a volte anche confusionario, oppure Vucinic, non è vero che non avesse voglia.

E sulla forza della Juve di oggi:La forza è ancora nella BBC e nel portiere, ora ci sono anche Benatia e Rugani. Nel 2011 Conte mi disse vuoi fare la mezzala o l’esterno? Per fortuna alla fine feci la mezzala. Domani al Pescara serve un’impresa”.

Michele Ranieri

ULTIME NOTIZIE