Alex Sandro, inizio da Top Player: tutti i numeri del brasiliano. Ma la Seleção lo ignora

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

La Gazzetta dello Sport, all’interno della sua edizione cartacea odierna, analizza un vero e proprio “caso” a livello europeo: quello riguardante Alex Sandro. Più che un caso, una “spiacevole consuetudine” scrive la collega Fabiana Della Valle: infatti, più il difen­sore gioca bene con la Juventus, più il c.t. brasiliano Tite lo igno­ra.

Considerando che a Vinovo durante questa sosta sono rima­sti solamente 4 juventini e i compagni di allenamento di Sandro sono Neto, Hernanes e Sturaro (curiosità: tre su quat­tro sono brasiliani), fa un po’ ri­dere che nel gruppettino dei re­duci ci sia anche l’unico ad aver superato quota mille minuti giocati in campionato (è il più utilizzato da Al­legri in Serie A).

ALEX SANDRO, IL NUOVO LEADER TECNICO

alex-sandro-juventusAlex arrivò nel­l’estate 2015 con il pesante fardel­lo dei 26 milioni sborsati dalla Si­gnora pur di sot­trarlo al Porto e soprattutto al­l’agguerritissima e facoltosa concorrenza (Manchester City). In poco tempo ha relegato lo zio Pat (Evra) al ruolo di se­conda scelta per la fascia sini­stra e si è trasformato in un va­lore aggiunto per l’attacco bian­conero.

Bastano un po’ di cifre per capire il peso del­ l’esterno brasiliano: Alex San­dro è il giocatore con più cross riusciti (in azione) nel nostro campionato (20: per cross totali è secondo dietro a Candreva), ed è anche quello che ha creato più occasioni da gol nel suo ruo­lo (30, almeno 8 più di ogni al­tro difensore della A); con 13 conclusioni tentate è secondo nella classifica del ruolo: solo Bruno Peres (15) ne ha provate di più; inoltre è anche il bianco­nero con più contrasti vinti (17) e più palloni intercettati (31).

CRESCITA COSTANTE E AMPI MARGINI DI MIGLIORAMENTO

Logico che Alle­gri faccia fatica a rinunciare a Sandro, un po’ meno compren­sibile il motivo per cui non trovi spazio nella Seleção, anche se la concorrenza è oggettivamente di alto livello (Tite ha chiamato Marcelo e Filipe Luis). La sua media­ voto finora è ottima (6.25) e le prestazioni sempre più convin­centi.

Ricordate il gol subito dalla Juventus nella prima di campionato contro la Fiorenti­na: ecco, la rete di Kalinic fu la conseguenza di un errore del brasiliano. In difesa Alex San­dro ha ancora margini di miglioramento (anche in occasio­ne del momentaneo pareggio del Napoli non è stato impecca­bile), però nel primo anno di apprendistato ha imparato a capire il nostro calcio e ad applicarsi di più tatticamente.

UN ANNO DOPO…

alex_sandro_juventus_2015_2016L’anno scorso do­po 12 partite ave­va messo insieme appena 5 apparizioni (274 mi­ nuti) in Serie A, cifra che in que­sta stagione è già stata abbon­dantemente doppiata (12 pre­senze e 1040 minuti). Ha quasi triplicato la media a partita dei lanci (da 2.4 a 6.5) e ha quasi raddoppiato la media dei pallo­ni recuperati (da 3.8 a 6.08).

BRASILIANO ATIPICO

Il diretto interessato la prende sempre con filosofia: non si de­prime per le mancate chiamate della Seleção e non si esalta per le buone performance del nuo­vo anno. E’ un brasiliano atipi­co, riservato e poco social, che si divide tra il campo e la famiglia. La sua mission è diventare un top player e vincere tutto con la Juventus. Per dimostrare a tutti che quei 26 milioni (cifra mai spesa dalla Juventus per un difensore) non sono stati sborsati invano.

CONOSCI SPAZIOJ?

SpazioJ è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioMilan.it e SpazioInter.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook