Sei qui: Home » News » Honda: “Tutto può succedere, anche battere la Juve”

Honda: “Tutto può succedere, anche battere la Juve”

Alla vigilia di Milan-Juventus, il trequartista giapponese dei rossoneri Keisuke Honda è stato intervistato dalla Gazzetta dello Sport ed ha parlato proprio della sfida in programma domani sera a San Siro.

RITIRO“Stare chiusi a Milanello per sei giorni? Noi avremmo preferito andare a casa. Però qui abbiamo tanto tempo per stare insieme, parlarci, allenarci. E spero che gli effetti si vedano contro la Juve”.

IMPRESA“Tutto è possibile. Anche battere la Juve. Di sicuro è difficilissimo. Per riuscirci dobbiamo credere in noi stessi. La Juve è più forte di noi, ma il Milan ha giocato bene contro Napoli, Roma e Inter”.honda3

BIANCONERI “La principale qualità della Juve? La difesa. La Juve è la classica squadra italiana. Io preferisco come gioca il Napoli: quello è il mio stile. Il giocatore più forte dei bianconeri? Sono tanti. Ma ricordate che il calcio si gioca in undici: vince la squadra, non il singolo”.

COME FERMARLI?“La Juve è forte, lo sappiamo: è la numero uno in Italia. Ma vogliamo batterla giocando bene. Dovremo stare compatti e chiudere gli spazi cercando di andare all’intervallo sullo 0-0. Poi chissà… Il calcio è bello perché spesso accadono cose diverse da quelle che ti aspetti. Ci sono differenti strade per vincere, noi dovremo essere pronti ad adattarci allo sviluppo della gara”.

COPPA ITALIA“Se devo scegliere, firmo per una sconfitta domani sera e la vittoria in finale di Coppa Italia, ma mi piacerebbe vincere entrambe le partite”.