Cessione Pogba, Lippi ricorda: "Vendemmo Zidane per poi vincere tutto"

Cessione Pogba, Lippi ricorda: “Vendemmo Zidane per poi vincere tutto”


Le vicende di mercato della Juventus hanno sempre molta risonanza, anche in ambito mediatico, e mai come questa estate ci potrebbe essere una tanto clamorosa quanto redditizia cessione. Come avrete di certo capito stiamo parlando di Paul Pogba, più volte accostato ai top club europei, in particolare inglesi e spagnoli.

LE PAROLE – Su questo argomento si è espresso anche Marcello Lippi, ai microfoni de La Gazzetta dello Sport: “Ricordo che quando tornai alla Juventus Agnelli mi disse che avrebbe venduto Zidane. Io all’inizio non ero d’accordo ma mi rassicurò che i soldi guadagnati sarebbero stati reinvestiti. Andò così e noi vincemmo tutto“. In effetti il caso Zidane può rappresentare un positivo precedente per la storia bianconera, vista l’incetta di trofei successiva alla sua cessione.

Paul-Pogba-599393

SACRIFICIO – In effetti la cessione di Pogba in estate aprirebbe orizzonti sconfinati nell’acquisto di diversi giocatori, a partire dal centravanti di razza, dai famosi 20 gol a stagione. Quest’anno ci ha pensato parzialmente Dybala a supplire alla partenza di Tevez, ma appare più che necessario un innesto nel reparto avanzato, in grado di garantire qualità e soprattutto quantità. Infatti ricordiamo che sia Mandzukic che Morata non hanno brillato in questa stagione in termini realizzativi, chi per una ragione chi per un’altra.

 

Per il famoso salto di qualità a livello europeo, stavolta definitivo, dovrà essere infatti investita una cospicua somma nel prossimo calciomercato, cercando di tenersi stretti i propri gioielli. Che un sacrificio vada fatto è obbligatorio e si pensa che quello di Pogba sia, a conti fatti, il più ragionevole.

SCUDETTO – L’ex ct della Nazionale ha affrontato anche il discorso scudetto, indicando la propria favorita alla vittoria: “Juventus e Napoli se la giocheranno fino alla fine, vedo gli azzurri più motivati ad hanno un Higuain in forma straordinaria. Per il terzo posto invece dico Roma. Ha superato un momento molto difficile e adesso ha grande entusiasmo“.

ULTIME NOTIZIE