Primavera, arriverà un centrocampista. Ecco i nomi in ballo

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

La vittoria nel derby ha regalato grandi emozioni, ma la Primavera di Fabio Grosso ha già la testa al prossimo obiettivo: la semifinale di Coppa Italia contro la Fiorentina, in programma a Firenze mercoledì. Questa, però, è anche l’ultima settimana di calciomercato e ciò significa che questi giorni vanno sfruttati per arrivare al giocatore che manca per completare una rosa già ricca di qualità. L’unica necessità è quella di un centrocampista che sostituisca Vitale. Con il ritorno di Romagna in difesa, infatti, lì in mezzo c’è un buco e Pellini pare non dare le garanzie che Grosso vorrebbe.

SOGNO – L’obiettivo numero uno, il giocatore che la Juve vorrebbe portare a  casa a tutti i costi, è Alberto Picchi, classe 1997, capitano dell’Empoli e pronipote di Armando, capitano dell’Inter di Herrera. Centrocampista di grande qualità, ha già attirato l’attenzione di Giampaolo e in estate è stato corteggiato con convinzione dal Porto. Alla fine è rimasto in Primavera, dove quest’anno ha collezionato 13 presenze, condite da sette gol e cinque assist. Un bottino da talento purissimo. La Juve sta parlando con l’Empoli da un po’, ma è difficile convincere i toscani a privarsi di un ragazzo di tale qualità. Realisticamente, quindi, pare debba rimanere un sogno.

OBIETTIVO – Più concreto è invece l’obiettivo Gaetano Castrovilli, capitano del Bari Primavera, anche lui classe 1997. Con i pugliesi più spesso fa il trequartista, ma ha le qualità per giocare un po’ più indietro e Grosso non sarebbe comunque nuovo a questi riadattamenti. Chiedere, per esempio, a Zappa e Cassata, diventati terzino e mezz’ala di assoluto valore, nonostante al loro arrivo fossero esterni d’attacco. Il discorso col Bari pare più semplice di quello con l’Empoli e se dovessimo indicare un possibile acquisto, diremmo senza dubbio Castrovilli. A metà settimana si saprà qualcosa in più.

SFUMATO – A dire il vero, il centrocampista la Juve lo aveva già trovato. Kairinen, il finlandese che è stato parecchio tempo in prova a Vinovo, aveva convinto per le qualità tecniche, ma alla fine è stato abbandonato per altre problematiche. La prima il prezzo del cartellino: la Juve avrebbe gradito un prestito con diritto di riscatto, mentre l’Inter Turku pretendeva due milioni di euro subito. In più, i finlandesi giocavano al rialzo a causa della concorrenza che cresceva. E alla fine la Vecchia Signora ha ringraziato e lasciato il tavolo delle trattative.

IN PROVA – Attualmente, a Vinovo si sta valutando anche un altro ragazzo: Luca Zanimacchia, centrocampista classe 1998 di proprietà del Legnano Salus (Serie D). La sensazione è che Zanimacchia rappresenti il piano B, qualora fallissero gli assalti a Picchi e Castrovilli. Trattare con il Legnano, infatti, sarebbe assai più semplice di intavolare discorsi con Bari ed Empoli per i propri gioiellini. L’ultima parola, comunque, spetta a Grosso.

SUGGESTIONE – Chiudiamo con una suggestione riportata nella giornata di ieri: Andrija Balic. Classe 1997, croato, gioca nell’Hadjuk Spalato, autentica fucina di talenti, ma da sempre bottega piuttosto cara. La Juve lo segue (come la Roma e altri grandi club), ma non è chiaro se il colpo arriverebbe in ottica Primavera. Il ragazzo, infatti, gioca in prima squadra e retrocedere nelle giovanili potrebbe non essere un’opzione gradita.

Edoardo Siddi