Pellè, il brutto gesto e poi le scuse. Ma Ventura non perdona: niente convocazione