Il novello Godot e le stimmate del campione timido: Alvaro Morata a metà del guado