Rugani e Caceres, pedine fondamentali in un periodo infuocato