GdS – Lucio: “Fu un errore andare alla Juventus. Vi spiego il motivo”

Lucio
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Lucio, ex difensore brasiliano di Inter e Juventus, ha rilasciato alcune interessanti dichiarazioni all’edizione odierna de La Gazzetta dello Sport. Ecco quanto evidenziato:

Andare alla Juve fu un errore. Nel 2012 era cambiato tutto, c’era un allenatore, Stramaccioni, che mi diceva di restare ma non era ciò che voleva. Infatti ogni 10 minuti mi chiamava Branca e mi diceva di trovarmi una squadra. Non era facile dopo tutto quello che avevo fatto all’Inter. Non arrivavano contratti forti, all’ultimo giorno non avevo altre opzioni: il mio manager mi disse di andare alla Juve“.

Ma è stata una decisione sbagliata” – prosegue il difensore centrale. “Di Conte dico che è un buon allenatore, quello che è successo ci poteva stare. Bonucci rischiava una lunga squalifica e Conte mi disse che avrei giocato io, poi non è successo e non ho trovato spazio. Sono stato poco alla Juve, non ho per i bianconeri quell’affetto che ho sentito sempre nei confronti dell’Inter”.