Sei qui: Home » Copertina » Sarri in conferenza stampa: “Ronaldo è diverso, inutile pensare che siano tutti uguali: i ragazzi devono accettarlo”

Sarri in conferenza stampa: “Ronaldo è diverso, inutile pensare che siano tutti uguali: i ragazzi devono accettarlo”

Alle 14 va in scena dall’Allianz Stadium la tradizionale conferenza stampa prepartita dell’allenatore bianconero Maurizio Sarri: domani alle 12.30 la Juventus affronta il Sassuolo. Queste le parole del tecnico bianconero:

Alex Sandro e Bernardeschi stanno bene: il primo ieri ha fatto tutto l’allenamento con la squadra, bisogna capire la sua condizione fisica; il secondo è molto utile siccome fa molto lavoro difensivo e bisogna chiedergli tanto perché ha grandi qualità tecniche. Ronaldo? Lui è una risorsa immensa, deve crescere in brillantezza ma è normale. Come gli altri due è disponibile, sono tutti e tre giocatori di potenzialità enorme [si riferisce a Dybala e Higuain n.d.r.]. È chiaro che Ronaldo è qualcosa di diverso, inutile pensare che i giocatori siano tutti uguali perché non è così. I ragazzi devono accettare la situazione. Se non lo facessero sarebbe un problema per la squadra e anche per loro. Non vedo una grande problematica. Se Cristiano è ossessionato dal gol? Sarebbe una cosa buona se lo fosse perché gli fornisce motivazione. Domani potrebbe giocare Emre Can. De Ligt si è abituato al modo di giocare in Italia e non è migliorato solo per l’arrivo di Barzagli anche se quest’ultimo è una grande risorsa per noi: Matthijs ha qualità immense, si vedeva. Giocare con i tre attaccanti? Non abbiamo tempo per provarlo siccome giochiamo ogni tre giorni; inoltre è problematico per le caratteristiche dei giocatori, perché dovremmo giocare con un attaccante centrale e due esterni o con due vicini e un trequartista ma non possiamo farlo. La partita contro il Sassuolo è pericolosa siccome in campionato abbiamo speso molte energie mentali: nelle ultime partite abbiamo sofferto molto. Il Sassuolo è una squadra che fa almeno 15 tiri a partita e i punti che ha non corrispondono al suo valore: De Zerbi diventerà un grande allenatore. Pallone d’Oro? Spero lo vinca Ronaldo, ma un giorno Dybala diventerà un serio candidato al premio.