Sportmediaset - La rosa della Juve è troppo ampia, Sarri dovrà essere bravo a gestirla

Sportmediaset – La rosa della Juve è troppo ampia, Sarri dovrà essere bravo a gestirla

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

È una situazione imbarazzante, perché rischiano di rimanere fuori dalla lista giocatori di altissimo livello” : queste sono le parole di Maurizio Sarri del 10 agosto scorso, il giorno dell’ultima partita di ICC contro l’Atletico Madrid. Quel giorno c’era chi ringraziava il mercato per avergli regalato un talento assoluto, Simeone con Joao Felix, e chi malediva una sessione estiva sempre più complessa a causa dei tanti esuberi non ancora ceduti.

È ormai passato un mese da quell’amichevole e da quelle parole, ma ora, come specifica Sportmediaset, Sarri e la Juventus non hanno assolutamente risolto la “situazione imbarazzante”. Il tecnico bianconero si ritrova con una rosa troppo abbondante tra centrocampo e attacco: sette centrocampisti di alto livello per tre maglie e sei attaccanti di livello assoluto per tre posti. Nelle prime due partite Sarri ha mandato in campo dall’inizio i soliti sei: Khedira, Pjanic, Matuidi, Costa, Higuain e Ronaldo. Nei primi 180′ soltanto Rabiot, Cuadrado, Bernardeschi, Emre Can, Dybala e Danilo, causa infortunio di De Sciglio, hanno giocato uno spezzone di partita, mentre calciatori come Bentancur, Ramsey, seppur in fase di recupero dall’ infortunio, e Mandzukic devono ancora fare il loro debutto.

Avere una rosa abbondante da un lato rende sicuramente più tranquillo l’allenatore, ma dall’altro può anche essere causa di malumori nello spogliatoio, come successo con Emre Can dopo la sua esclusione dalla lista Champions. Fabio Paratici a gennaio dovrà lavorare molto per tagliare alcuni giocatori da una rosa oggettivamente troppo ampia.

CONOSCI SPAZIOJ?

SpazioJ è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioMilan.it e SpazioInter.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy