Kean: “Non sono andato via per colpa del razzismo. Voglio fare almeno sette gol”

Moise Kean
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Oggi Moise Kean, ex attaccante della Juventus, si è presentato – durante la conferenza stampa di rito – ai nuovi tifosi dell’Everton. Ecco un estratto del suo intervento: “Dopo Cagliari ho sentito la vicinanza della Juventus . Il club mi ha sempre sostenuto, il razzismo è da combattere sempre. L’incidente non mi ha convinto a lasciare l’Italia, sono venuto qui per altre motivazioni. Ho scelto l’Everton perché è un club che mi è sempre piaciuto e mi piace molto anche la Premier League. È un club che guarda avanti come me. Sono venuto qui per dimostrare a me stesso quanto valgo e farlo vedere anche agli altri, giocando al 100%“. Non ha parlato solamente del tema del razzismo, il giovane attaccante ha parlato dei suoi obiettivi futuri durante la stagione: “Ho avuto la fortuna di giocare con giocatori molto forti come Cristiano Ronaldo. Sicuramente ho imparato tanto e porterò tutto con me in questa nuova avventura, per raggiungere i miei obiettivi. Quanti gol? Direi sette come minimo, ma sono capace di segnarne di più. Se sono pronto a giocare sabato con il Crystal Palace? Certamente”.