Bonucci dalla Carrà: “Volevo essere un’icona. Mio fratello era più forte di me. Ho avuto tanti momenti difficili…”

Bonucci panchina
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Ospite nel nuovo show televisivo di Rai Tre condotto da Raffaella Carrà, Leonardo Bonucci è stato ospite della serata. Il difensore bianconero ha raccontato molto aneddoti della sua vita: “Dicevano che mio fratello Riccardo fosse più bravo di me, o almeno questo sostenevano gli addetti ai lavori. Potevo giocare a centrocampo, dovevo avere i piedi buoni. Poi ho utilizzato questa dote qualche metro dietro, in difesa. Ho sempre avuto il sogno di diventare un’icona del calcio. Milan? Ogni viaggio finisce con un ritorno a casa”.

La Nazionale e Torino

“In Nazionale faccio un po’ la chioccia, non c’era Chiellini che mi aveva abbandonato. Si è creato un gruppo che si sa divertire, che si sa comportare da gruppo. Noi veterani abbiamo la responsabilità di portare e far crescere i giovani. Adesso in Nazionale ci si diverte. Da dietro amo giocare a pallone e sono il primo a far ripartire l’azione. Quando c’è il contropiede però corro indietro, è un rischio a volte calcolato. Torino? Mi trovo benissimo, la città è a misura d’uomo. Siamo fortunati perché facciamo il lavoro che ci piace, in una città bellissima. I tifosi non sono pressanti. Con Ronaldo è stata un po’ più popolata, ma ci godiamo un minimo di libertà”.

La famiglia

“Non ho una vita semplice, quella dal calciatore non lo è. La famiglia ti dà stabilità e ti aiuta nei momenti di difficoltà. Sono tanti in una carriera a questi livelli. Ti ancori a quello che tieni e cerchi di poterti migliorare e di uscire da quel periodo. Ho avuto tanti momenti difficili, la botta arriva pesantissima”