Che fine ha fatto il "vero" Dybala?

Che fine ha fatto il “vero” Dybala?


Nella notte in cui il talento di Ronaldo illumina il palcoscenico europeo dell’Allianz Stadium, c’è invece un altro talento che fatica a trovare continuità, a spiccare il volo, a conquistarsi un posto definitivo nell’Europa dei grandi. Stiamo parlando di Paulo Dybala, che nell’impresa di martedì sera, è rimasto ancora una volta fuori dall’undici titolare di Massimiliano Allegri. Quest’ultimo, insieme alla squadra e a tutto l’ambiente bianconero, si aspettano tanto da quello che è uno dei migliori talenti in circolazione.

DOV’È FINITO IL VERO DYBALA?

È quello che si chiedono un po’ tutti, dove sia finito quel Dybala che abbiamo tanto elogiato e ammirato nel quarto di finale di andata giocato contro il Barcellona nel 2017 in una serata che un po’ ricorda quella di Ronaldo di due giorni fa.


Entrato a gara in corso contro l’Atletico, precisamente al minuto 66‘ dove ha sostituito Spinazzola, la Joya ha giocato col piglio giusto, più volte è andato via sulla fascia destra, conquistando punizioni e rimesse importanti che hanno contribuito a tenere i colchoneros lontani dalla porta di Szczesny.

Dov’è, però, quel Dybala che inventa giocate, gol, che entra in campo con voglia, come ad esempio nella partita contro lo Young Boys. Le sue giocate sono importanti, anche per concedere nuove soluzioni tattiche all’allenatore, ma oramai mancano da troppo tempo e questo sta spingendo la società ad una probabile cessione, stando alle ultime voci di mercato.

IL FUTURO

Sicuramente, però, non è il momento di aprire un caso Dybala, anche perchè a fine partita Paulo è sembrato felice della qualificazione, è stato uno dei primi ad esultare, ci sono stati abbracci con Ronaldo e con gli altri compagni di squadra.

Il giocatore è consapevole dei propri mezzi e della propria forza, sa che la squadra conta molto su di lui ed è pronto a giocarsi le sue carte e a tornare protagonista nelle notti magiche della Champions, già dalla prossima partita, magari disputando una partita come quella di Bernardeschi, preferito proprio a Dybala negli ultimi incontri.

Il futuro, il destino è tutto dalla sua parte, tocca alla Joya dimostrare alla società che non si può far a meno di lui, che sarebbe un errore arricchire un’avversaria europea o italiana con un talento del genere.

Vincenzo Bellino

Loading...