Ts: "Marino: «Paratici è maturo per il salto. Ma la Juventus...»"

Ts: “Marino: «Paratici è maturo per il salto. Ma la Juventus…»”

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

L’ex dirigente di Napoli e Atalanta alla redazione di Tuttosport ha parlato della fine del rapporto tra Beppe Marotta e la Juventus e della nuova investitura di Fabio Paratici.

COSA PERDE LA JUVE CON L’ADDIO DI MAROTTA
«La Juventus perde la sua esperienza, la sua autorevolezza, il suo carisma e anche un’importante capacità manageriale, data dal fatto di aver conosciuto tutte le fasi e i periodi del calcio negli ultimi 40 anni. E’ un manager antico che si è sempre aggiornato: unisce esperienza e modernità nella pratica quotidiana. Ed è un manager a tutto campo e un grande comunicatore».

IL PERCHE’ DEL DIVORZIO SECONDO MARINO
«Credo che l’uscita di Marotta sia dovuta a un fisilogico logorio nei rapporti con la presidenza. Una figura così autorevole, un dirigente a tutto campo, finisce per avocare a sé molto potere e stabilire un rapporto con la proprietà anche paritetico, ma certamente destinato a logorarsi. E’ una situazione naturale, a me è capitato varie volte: difficile che il rapporto possa durare più di sei/sette anni, anche se si raggiungono risultati. E quelli della Juventus negli ultimi anni sono stati eccellenti».

PARATICI E IL PESO DELL’EREDITA’ 
«Paratici è bravo. E’ un tecnico, bravissimo e applicatissimo. Un perfezionista nella ricerca dei talenti e dei giocatori, ma abile anche nell’impostazione iniziale delle trattative. Negli ultimi tempi lo ha fatto tante volte e bene. Ha un vantaggio: ha vissuto fianco a fianco con Marotta negli ultimi 15 anni e siccome è una persona di alto livello culturale, che ho potuto apprezzare di persona, avrà sicuramente assorbito tanto dal suo maestro, come fanno di solito le persone intelligenti».

Marco Taormina

CONOSCI SPAZIOJ?

SpazioJ è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioMilan.it e SpazioInter.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy