Riecco Zlatan: «Io Ibra grazie alla Juventus, vengo da un altro pianeta»

Riecco Zlatan: «Io Ibra grazie alla Juventus, vengo da un altro pianeta»


Zlatan Ibrahimovic, o più semplicemente Ibra. Un talento immenso, un ego smisurato. Il 37enne attaccante dei Los Angeles Galaxy, corteggiato dal Milan, ha parlato alla BBC e lo ha fatto con il suo solito stile: senza troppi giri di parole: «Io vengo da un altro pianeta, lo ‘Zlatan Planet‘, con qualche cosa che nessuno ha mai visto».

IBRA E IL RAPPORTO CON CAPELLO

«Lo United era la squadra giusta per me: il club e la maglia che dovevo far brillare e io l’ho fatto. Lì mi sono sentito come ‘Benjamin Button’, stavo diventando ogni giorno più giovane. Poi, purtroppo, mi sono infortunato. Quando è successo non ho capito a cosa sarei andato incontro, perché non avevo mai avuto un infortunio serio. Ero come Superman, indistruttibile. Nessuno poteva ‘rompermi’. Allora mi sono detto “questo non e’ modo di smettere di giocare a calcio, voglio tornare e giocare come facevo prima”». Come ha fatto per tanti anni dopo essere esploso e divenuto campione alla Juventus«All’inizio della carriera non era così importante fare gol ma avere qualità e tecnica. A un certo punto è diventato diverso. Alla Juve mi hanno fatto capire ‘qui siamo ad alti livelli, sei un attaccante, quindi devi darci gol. Se non li fai, non abbiamo bisogno di te’. Tutto era nuovo per me: grande squadra, grandi giocatori, grande allenatore, grande storia – ha spiegato -. Dal primo giorno di allenamento alla Juve ho sentito Capello gridare “Ibra”. Prendeva i ragazzi delle giovanili e li faceva allenare con me: loro crossavano, io dovevo fare gol. Ogni giorno per 30 minuti. Io volevo solo andare a casa perche’ ero stanco e non volevo piu’ tirare, ne’ vedere la porta e i portieri. Sentivo sempre quell’urlo “Ibra” e sapevo cosa significasse. Tiravo, tiravo».

Marco Taormina

Loading...