LE PAGELLE/ Juve-Bologna: finalmente Dybala, costante Matuidi

LE PAGELLE/ Juve-Bologna: finalmente Dybala, costante Matuidi


PAGELLE JUVE BOLOGNA Turno infrasettimanale dove la Juventus trova il Bologna, dopo la trasferta vittoriosa contro il Frosinone. Felsinei che dopo un avvio di stagione non entusiasmante hanno trovato la vittoria tra le mura amiche contro la Roma. Una sfida avvincente e dal finale tutt’altro che scontato con un ex bianconero sulla panchina del club emiliano: Pippo Inzaghi.
La decide Paulo Dybala che torna al gol e chiude il discorso Matuidi, una spina nel fianco con le sue incursioni offensive. Da evidenziare le prestazioni di BarzagliCancelo, applauditissimi dallo Stadium.

PAGELLE JUVE BOLOGNA

PERIN 6 – Prima gara ufficiale con la sua nuova maglia, quella della Juventus. Partita non complicata per Mattia che non ha molto lavoro da svolgere. ESORDIENTE.

BARZAGLI 7 – Prima stagionale invece per il difensore italiano che scende in campo con la fascia da capitano. Solita gara fatta d’anticipi e chiusure tempestive. Nonostante la carta d’identità Barzagli resta una risorsa d’esperienza per Massimiliano Allegri. E la standing ovation dello Stadium ne è l’eterna conferma. GARANZIA.

BONUCCI 6 – Partita ordinata quella di Leonardo, che torna al suo vecchio ruolo da libero. Contiene bene prima la coppia Falcinelli-Destro, poi Okwonkwo-Santander. NORMALE AMMINISTRAZIONE.

BENATIA 6,5 – Anticipi che lasciano sconsolati gli attaccanti del Bologna. Il marocchino lotta calando leggermente nella ripresa, ma è consapevole di essere un punto fermo di questa squadra. ORDINATO.

CUADRADO 6,5 – Dopo la gara opaca contro il Frosinone, il colombiano torna sui suoi livelli. Entra nell’azione del secondo gol con un’apertura magistrale per Bentancur, aprendo la strada del raddoppio a Matuidi. PREZIOSO.

BENTANCUR 6 – Ancora una volta parte da interno di centrocampo così come contro il Frosinone. Prepotente nel recuperare il pallone che si tramuterà nel gol del raddoppio di Matuidi: sradica palla prima, imposta poi. Nella ripresa la sua prestazione si affievolisce. SUFFICIENTE.

PJANIC 6 – Grande ordine nel raccordo del centrocampo. Un giallo evitabilissimo ed una condizione non ancora al massimo. Dal bosniaco ci si aspetta molto di più, magari già dalla prossima. RODAGGIO.

MATUIDI 7 – Che avesse tre o quattro polmoni lo si era capito già dalla sua prima apparizione con la maglia della Juventus. Che diventasse sempre più determinante e presente anche in fase offensiva una lieta sorpresa. COSTANTE.

CANCELO 7 – Difficilmente Allegri lancia già da avvio stagione un volto nuovo. Ma l’esterno portoghese sembra essersi inserito alla grande nello scacchiere bianconero. Corre e crea occasioni ogni qual volta si trova sulla trequarti avversaria. Definirlo laterale offensivo è quasi riduttivo. FUNAMBOLO.

DYBALA 7,5 – Finalmente Paulo. Perché oltre al gol, quello del vantaggio e che risulterà poi decisivo, l’argentino ha giocato a tutto campo. Recuperando e tornando sulla linea di centrocampo quando serviva, creando fonte di gioco per le proiezioni offensive della Vecchia Signora. Oltre al 10, questa sera sulle spalle, si è caricato anche la Juventus. UOMO OVUNQUE.

RONALDO 6,5 – Giornata dopo giornata, il ragazzo di Madeira sembra entrare sempre più negli schemi di Madama. Questa sera non timbra il cartellino, ma risulta determinante con l’assist per il gol del definitivo 0-2. Scalda i motori in attese dei grandi appuntamenti. PROVE GENERALI.

EMRE CAN 6 – Tanta sostanza, quella che inserisce il tedesco ogni qual volta viene chiamato in causa. L’ex Liverpool ha caratteristiche diverse da Pjanic ma quando agisce da centrale non fa rimpiangere il bosniaco. IL MEGLIO DEVE ANCORA VENIRE.

BERNARDESCHI 6 – Con il Frosinone è stato inserito per giocare da mezz’ala. Questa sera è subentrato per agire da laterale in un 3-5-2. Si legge Federico Bernardeschi, si pronuncia UNIVERSALE.

ALEX SANDRO sv

ALLEGRI 7 – 7 partite, 7 vittorie. Risultati che non si vedevano dal 1931. Numeri impressionanti che sono anche merito di chi guida questo gruppo. PRAGMATICO.