Verso Juve-Lazio - Sono 21 i convocati di Allegri. Khedira e Mandzukic dal primo minuto

Verso Juve-Lazio – Sono 21 i convocati di Allegri. Khedira e Mandzukic dal primo minuto


ORE 22: DUBBIO DYBALA-MATUIDI

Secondo le ultime indiscrezioni, resterebbe un unico dubbio di formazione per Max Allegri: Dybala o Matuidi e, di conseguenza, mediana a 2 o a 3. Leggermente favorito il francese con la Joya pronta a far male dalla panchina.

Probabile formazione (4-3-3): Szczesny; Cancelo, Bonucci, Chiellini, Alex Sandro; Khedira, Pjanic, Matuidi; Cuadrado, Ronaldo, Mandzukic.

ORE 20.30: I CONVOCATI

Pochi minuti fa è stata resa nota la lista dei convocati per l’anticipo di domani: ancora assenti De Sciglio e Spinazzola. Qui la lista integrale dei giocatori chiamati da Allegri.

ORE 19: TERMINATO L’ALLENAMENTO

Appena terminata la due ore di allenamento condotta da Max Allegri, a breve verrà firmata la lista dei convocati per l’incontro dell’Allianz Stadium.

ORE 17: SEDUTA INIZIATA

Al via l’allenamento della vigilia della Juventus agli ordini di Massimiliano Allegri. L’allenatore toscano dovrà sciogliere in questa seduta i dubbi di formazione in vista del match di domani alle 18 contro la Lazio.

ORE 14:30 – LA CONFERENZA DI ALLEGRI

Ha parlato Massimiliano Allegri nella conferenza di vigilia del match contro la Lazio, queste le principali dichiarazioni raccolte dalla redazione di SpazioJ: “Mi aspetto entusiasmo, lo scorso anno la Lazio ci ha battuto due volte, allo Stadium eravamo reduci da 41 vittorie di fila.

Bonucci è della Juve, va valutato come tutti. Ci ha sempre messo passione e dedizione e va rispettato per quanto fatto. 

Ronaldo? Ci vuole pazienza, Ronaldo contro il Chievo ha tirato sei volte. La Lazio è una squadra di ottimi giocatori, ben guidata, con Milinkovic che dà fisicità e tecnica. Evitiamo i blackout dello scorso anno. Quando si gioca ogni 2-3 giorni è normale cambiare un po’, chi entra dalla panchina deve essere determinante come negli scorsi anni. Ci sarà un momento in cui Ronaldo dovrà rifiatare, come accaduto a Madrid lo scorso anno.

Con la Lazio dobbiamo evitare gli errori di Verona. Mi fido delle mie sensazioni, bisogna trovare una quadratura diversa. Alex Sandro?  Sì, quest’anno è un altro giocatore, deve lavorare molto su se stesso. Ronaldo è un campionissimo fattosi col lavoro e il sacrificio. Un esempio per i giovani, alza l’asticella qui ed in Serie A. Cancelo deve mettersi lì e lavorare sulla fase difensiva, ha ventiquattro anni e può crescere. Bernardeschi? Ha qualità ed entusiasmo, può fare il centravanti, la mezzala, il trequartista. Conto molto su di lui”. 

ORE 9 – GIORNATA DI VIGILIA

Si avvicina il primo impegno casalingo della stagione, tantissima attesa per Cristiano Ronaldo per la prima volta all’Allianz Stadium con la maglia bianconera. Ad affrontare gli uomini di Allegri, ci sarà una Lazio reduce già da una sconfitta alla prima giornata, i biancocelesti faranno di tutto pur di non restare a quota zero dopo la seconda giornata.

Allegri potrebbe non confermare il modulo della scorsa settimana, nella gara vinta in extramis al Bentegodi. Si va, infatti, verso un 4-2-3-1 con quello che potremmo definire il “classico” reparto difensivo composto da Sczcesny fra i pali, Alex Sandro, Chiellini, Bonucci e Cancelo. In cabina di regia, ad affiancare Miralem Pjanic, non ci sarà il campione del mondo Bleise Matuidi, ma il pupillo di Allegri, Sami Khedira. Lo spaventoso quadretto offensivo vede CR7 unica punta, con Dybala alle sue spalle a dargli supporto e con i sudamericani Cuadrado e Douglas Costa sulle fasce.
Modulo che potrebbe variare e diventare un 4-3-3 portando verso l’esclusione Douglas Costa e Cuadrado. Ciò sarebbe possibile con la presenza di Mario Mandzukic in mezzo a Ronaldo e Dybala e quella di Bernardeschi nel nuovo ruolo di mezz’ala che Allegri sta provando a cucirgli addosso. Emre Can è l’altro nome caldo presente in panchina, ma che potrebbe essere una risorsa per il Mister a partita in corso.

Loading...