Gli straordinari di Douglas Costa: così è diventato indispensabile per Allegri

douglas-costa-spazioj
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Douglas Costa e gli straordinari, col motorino nelle gambe – Anche stasera a Ferrara, contro la SPAL, Douglas Costa guiderà l’attacco bianconero, provando a mettere in moto i cavalli che ha in corpo. Nelle ultime uscite, il brasiliano ex Bayern Monaco è stato semplicemente devastante: uno schiaffo morale come si deve a chiunque iniziava a nutrire dubbi circa la sua decisività. Che, tra le altre cose, vuol dire anche che – ammesso ci fossero dubbi – il suo riscatto si avvicina: in estate, la Juventus verserà l’ultima tranche alla squadra campione di Germania, per assicurarsi il numero 11 a titolo definitivo.

DOUGLAS COSTA: STRAORDINARI… O STRAORDINARIO?

In una delle sue ultime conferenze, Massimiliano Allegri ha parlato del suo calciatore come uno “costretto” a fare gli straordinari per sopperire alle non perfette condizioni fisiche di Dybala, Higuain e Mandzukic, tutti alle prese con piccoli acciacchi. Complici le assenze dei lungodegenti Bernardeschi e Cuadrado, Douglas Costa è di fatto l’unico esterno destro di ruolo a disposizione del suo tecnico.

E la risposta del brasiliano, seppur non giocando sempre titolare, è di quelle di altissimo livello: 36 occasioni create in campionato, divise tra 30 passaggi-chiave (vale a dire passaggi che liberano un compagno per il tiro) e ben 6 assist, cui vanno aggiunti i 2 gol contro Lazio e Genoa.

Apoteosi della sua essenza calcistica è il primo tempo contro l’Atalanta, impreziosito – in particolare – da due scatti decisivi: uno da un lato all’altro del campo per tenere in campo un pallone destinato sul fondo e l’altro che ha spianato la strada all’1-0 di Higuain.

E la sua capacità di spaccare in due le partite, grazie a quegli strappi che mandano in tilt ogni difensore, ha fatto sì che l’attacco juventino, per Allegri, sia di fatto diventato: Douglas Costa più qualcun altro. E il peso calcistico europeo di questo asso brasiliano dà pienamente ragione all’allenatore: assolutamente da folli rinunciare a questo motorino umano.