God shave the Queen!

buffon dybala higuain tottenham juventus champions league 1-2 2018
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Quante volte ci siamo detti che con tutti questi infortunati non si poteva andare da nessuna parte. Quante volte si è pensato che dopo la partita dell’andata sarebbe stato quasi fisiologico uscire. Quante volte si è avvicinata la maledizione inglese, quella che regolarmente esclude la Juventus dalla maledetta Champions. Quante volte abbiamo parlato a vuoto. Quante volte ci siamo illusi. Quante volte. Quante. Quante?

La Juventus ha battuto squadre inglesi solo quando si trattava di gironi eliminatori: se i giochi si facevano più duri, allora entra in gioco la sofferenza. Usciti con il Chelsea, eliminati da Liverpool e Arsenal, per non parlare di quel Manchester United che nel ’99 riuscì a ribaltare il doppio vantaggio di Inzaghi con i gol di Roy Keane, Yorke e Andy Cole, freddando il vecchio Delle Alpi. E cosa pensare di quell’orribile confronto in Europa League con il Fulham, quando la tanto disastrosa quanto dorata Juve di Zaccheroni fu presa a pallonate al Craven Cottage?

Ci voleva una vittoria. Un pareggio per 3-3 era una chimera irraggiungibile, probabilmente non auspicabile, benché favorevole. Dopo un primo tempo giocato male, sfido chiunque a credere in un’impresa. Soprattutto a credere che la rimonta fosse possibile con gli inserimenti di Lichtsteiner e Asamoah: di solito quando si cerca di vincere si inseriscono giocatori offensivi, non un paio di terzini. Eppure la fortuna aiuta gli audaci, la storia si fa valere. 4-3-3, 4-2-3-1, 4-4-2, 4-5-1: non importa come giochi la Juventus (oggi ha usato tutti questi moduli), conta quello che si è visto alla fine. E alla fine si è visto un tabellone luminoso che indicava la vittoria della Juventus nel neutro di Wembley, pieno come sempre in queste grandi occasioni.

In un giorno come questo è davvero inutile parlare di gioco, tattiche, arbitro, prestazione e chissà cos’altro. Oggi parliamo di vittoria, e di gioia. Tutto il resto è fuffa.