La (non) firma di Emre Can e quel codice d'onore da rispettare