Pochettino: "Inizio da horror, ma abbiamo reagito da grande squadra"

Pochettino: “Inizio da horror, ma abbiamo reagito da grande squadra”


Tempo di conferenza anche per Maurizio Pochettino, tecnico del Tottenham, che può dirsi soddisfatto del pareggio strappato dai suoi ragazzi tra le mura dell’Allianz Stadium.

Queste le sue parole, riportate dal collega Nicola Frega.

Sulle sensazioni dopo il 2-0: Ovviamente sensazioni negative, perché speri non si presenti mai una situazione del genere. Fuorigioco? Non so, non mi voglio lamentare, ma abbiamo concesso goal in una situazione banale. Subire due reti dopo pochi minuti contro una squadra come la Juve, non è stato l’inizio migliore. Poi però ci siamo sentiti più libero e abbiamo reagito. Ovviamente dobbiamo rivedere la partita per lavorare su alcuni nostri errori. Ma abbiamo dimostrato grossa personalità contro una squadra che ha giocato due finali di Champions in 3 anni. Noi siamo una squadra meno esperta, dunque devo congratularmi con i miei giocatori”.

Sulle due reti in trasferta:  “Sono contento perché la Juventus ha una grandissima difesa, ma c’è ancora da giocare il ritorno a Wembley e ci aspettiamo tanto dai nostri tifosi”.

Sul suo rapporto con l’Italia: “In Italia mi sento davvero a casa, sono argentino e la mia cultura ha origini in questo paese. Mi sento a mio agio qui, sono stati due giorni molto positivi”.

Su Kane: “Sta vivendo un periodo eccezionale, è una persona fantastica, un cervello votato al calcio. Spero possa diventare un giocatore ancora di maggior successo. Al di là di ciò che deciderà di fare in futuro, sarà per me sempre un grandissimo giocatore”.

Su Eriksen: “Direi che ha fatto una partita eccezionale, è emerso tantissimo nel corso della gara. Sta facendo sempre partite ottime, cresce di stagione in stagione. Eriksen si è allineato alla nostra filosofia, crea legame tra i giocatori all’interno della squadra”.

Loading...