Pjanic al Telegraph: “In passato vicino alla Premier. Voglio diventare il migliore”

pjanic al telegraph
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Pjanic al Telegraph. Il centrocampista della Juventus, Miralem Pjanic, ha concesso una lunga intervista al Telegraph svelando un retroscena di mercato davvero curioso: “In passato mi hanno cercato sia l’Arsenal che il Tottenham. C’è stata l’effettiva opportunità quattro anni fa, ma in quel momento ho detto di no perché ero contento della squadra in cui mi trovavo”.

PJANIC AL TELEGRAPH

E sull’andamento stagionale: “Siamo molto affamati e competitivi e quest’anno vogliamo assolutamente vincere la Champions League. C’è però da dire che troveremo di fronte una grande squadra come il Tottenham”.

Pjanic racconta poi il suo arrivo alla Juventus: “Ricordo ancora quando firmai per venire alla Juventus, Allegri mi disse che sarei potuto diventare uno dei migliori registi al mondo. Devo migliorare ma è quello che voglio. La mia vita? Mio padre giocava a calcio non a grandi livelli, nella terza divisione jugoslava per il Drina Zvornik, stava arrivando la guerra e mio padre decise di trasferirsi in Lussemburgo, che considero la mia seconda casa. Quando i miei genitori lasciarono Tuzla se ne andarono senza niente, ma volevano dare a noi figli una vita serena e tranquilla. E questo è quello che hanno fatto“.

Chiude con delle parole davvero toccanti: “Io sono rimasto legatissimo alla Bosnia, che ho scelto tra tante Nazionali a disposizione. Quante ingiustizie ai tempi della guerra, io voglio aiutare i bambini che vivono ancora lì a credere nei loro sogni. In Lussemburgo i miei genitori non potevano pagare qualcuno che si prendesse cura di me. E allora mio padre lavorava dalle 7 alle 16, mia madre dalle 17 alle 22. Dopo il lavoro, mio padre andava ad allenarsi anche per arrotondare, mi portava con sé e cominciai in quel modo“.

Michele Ranieri