La Juve erige il muro: la difesa torna punto di forza bianconero ma l’attacco non è da meno!

juventus squadra mandzukic khedira chiellini barzagli spazioj 2018
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Via Leonardo Bonucci, va alla rivale Milan. Ridimensionamento Juventus? Si cede uno dei suoi migliori difensori alla rivale di sempre. E adesso gli anziani ChielliniBarzagli come faranno a reggere le oltre 50 partite stagionali? Rugani giovane promettente ma forse non ancora pronto per una stagione da titolare. Mentre Benatia è più in infermeria che in campo… Ma voi ve le ricordate tutte queste chiacchiere da bar? Oddio, ad un certo punto anche la squadra ci ha fatto credere a tutto questo: 22 gol nelle prime 18 uscite stagionali erano parse davvero fin troppe. Però poi Giorgio e compagni hanno ritrovato l’amalgama giusta. Un problema che non riguardava solo il reparto difensivo, ma tutta la fase difensiva.

Muro Juve, il 4-3-3 aiuta

Ciò che ha fatto cambiare a stagione in corso sono stati due fattori: l’imprescindibilità da un giocatore come Blaise Matuidi e la sconfitta contro la Sampdoria. Da lì in poi Massimiliano Allegri ha optato per una mediana composta da 3 uomini senza mai più abbandonarla. Pjanic è cresciuto in regia, Khedira ha ripreso forma e trovato nuovi inserimenti mentre Matuidi ha dato dimostrazione del suo strapotere fisico. Tutto questo ha inevitabilmente modificato anche il modo di difendere della Vecchia Signora che ha trovato in ChielliniBenatia i titolari del reparto centrale. In Asamoah una valida alternativa ad Alex Sandro che si sta ritrovando e nell’avvicendamento tra De SciglioLichtsteiner un ottimo riscontro. I risultati? La difesa bianconera entra nella storia!

Difesa Juve, 1 gol in 16 partite

Numeri mostruosi, quasi irreali quelli conseguiti da BuffonSzczesny e compagni. 1 sola rete subita nelle ultime 16 partite giocate. L’unico giocatore capace a realizzare gol alla Vecchia Signora è stato l’ex Caceres nella sfida contro l’Hellas Verona: gol tra le altre cose ininfluente grazie alla doppietta di Dybala. Statistiche che regalano un record nella storia del club bianconero: prima di quest’anno mai era riuscita a subire così poco per 16 partite di fila.
Dopo un inizio traballante si può dire che la Juventus abbia ritrovato nella difesa il suo punto di forza ma non è finita qui…

Miglior attacco, differenza reti +46

Dati mostruosi in difesa che però non contaminano assolutamente l’attacco bianconero. Anzi con 61 gol realizzati la Juventus registra una differenza reti di +46 che ha qualcosa di storico. Il miglior rapporto dal 1959 oggi ed una delle migliori di sempre. Insomma numeri da capolista, in attesa del Napoli impegnato contro la Lazio