Giaccherini: “Che emozione giocare l’ultima partita di Del Piero con lui”

giaccherini.napoli.2017.18.750x450
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

L’ex Campione d’Italia con la maglia della Juventus, Emanuele Giaccherini, è stato intervistato ai microfoni della Gazzetta Dello Sport. L’attuale esterno d’attacco del Chievo Verona ha parlato, tra le varie cose, del suo passato in bianconero e dell’emozioni provate negli anni a Torino.

SULLA PRIMA DA TITOLARE ALLO STADIUM

“Fui titolare nella prima partita allo Stadium, il giorno dopo Conte mi scrisse un sms: “Ieri si sarebbero spaventati anche grandi campioni, quindi resta sereno e pensa a lavorare. Tu vali di più e soprattutto io da te pretendo di più”. Un grande! E’ stato un onore, a dire il vero, anche figurare tra gli 11 titolari nel giorno dell’addio di Del Piero: fu mio l’assist per il suo ultimo gol… Un’emozione pazzesca!”.

SULLA NAZIONALE

“Ho giocato Euro 2012 e 2016, ma Prandelli sa che nel 2014 avrei meritato il Mondiale. Non gli porto rancore: fu lui a volermi per primo in azzurro”. 

SUL SUO PASSATO DOPO LA JUVE

“Per la Juve la mia cessione era inevitabile: fu una grande plusvalenza. Per me, invece, il contratto della vita: la Premier League è tutta un’altra storia. Sono tornato in Italia e mi sono messo guadagnato la chiamata del Napoli, ma Sarri si era convinto che fossi un esterno. Giocare largo non mi piace e non mi riesce: appena arrivato in azzurro mi feci male, comprarono Rog e Zielinski e automaticamente io non potevo che essere il vice-Callejon”.

SU MAURIZIO SARRI

“Sarri non è capace di gestire il gruppo al meglio, di far sentire tutti importanti: per lui esistono 13-14 giocatori, gli altri non riesce a farli sentire importanti. E, quando lotti su più fronti, questo di certo non ti aiuta. Allo stesso modo, ammetto che sul campo è bravissimo”.

SULLA SUA NUOVA ESPERIENZA AL CHIEVO

“Maran sa che sono a disposizione del gruppo e che, tatticamente, mi sento una mezzala. Bisogna pensare alla salvezza, la mia duttilità è al servizio dei miei compagni: spero di chiudere la carriera qui”.