Dopo più di un anno, rieccoci al Franchi: quel potere taumaturgico delle sconfitte