Higuain: “Tottenham? Martedì sarà importante non prendere gol. Non molleremo fino alla fine”

higuain spazioj 2018 juventus
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Assoluto protagonista del successo tennistico contro il Sassuolo, Gonzalo Higuain si è raccontato ai microfoni di JTV, mantenendo alta la concentrazione per i prossimi obiettivi fondamentali in casa Juventus.

HIGUAIN È SICURO: “CONCENTRAZIONE, CATTIVERIA E RESPONSABILITÀ

Avevamo preparato bene la partita con il Sassuolo. Contro la Fiorentina sarà molto importante: non possiamo assolutamente permetterci di pensare alla Champions League, sarebbe un grandissimo errore.”.

E poi, focus sulle caratteristiche base della squadra bianconera: “Concentrazione, cattiveria e senso di responsabilità sono le chiavi per il successo nel nostro cammino. Mancano ancora molte gare allo scontro diretto con il Napoli, e quindi dobbiamo mantenere l’attenzione alta su ogni gara.”.

Ieri, intanto, è arrivata anche una tripletta importantissima: “Aspettavo questa tripletta: avevo già realizzato doppiette, sono molto felice di esserci riuscito e spero che non sia l’ultima.”.

HIGUAIN PRESENTA LA SFIDA CONTRO IL TOTTENHAM

Poi un commento sull’imminente impegno di Champions League contro il Tottenham: “Prepareremo la gara a partire da sabato: in competizioni del genere cambia poco giocare la prima in casa o fuori, l’importante martedì sarà non prendere gol e provare a segnare, per poi giocarcela a Londra.”.

Sui gol contro il Sassuolo: “A me piacciono quei passaggi a superare la difesa, parlo sempre con i centrocampisti e quel tipo di palloni per un attaccante sono possibili gol se sono ben messe. Ieri Claudio mi ha fatto un grandissimo passaggio e infatti è finito in gol. Li se prendi le misure giuste è probabile che finisci sotto porta”.

Il campionato sembra davvero una corsa a due tra Napoli e Juventus: “Vietato sbagliare, adesso abbiamo una partita molto insidiosa a Firenze e credo che dobbiamo prenderla dal verso giusto come abbiamo fatto a Bergamo e con il Sassuolo. Questa è la strada sulla quale dobbiamo continuare. A Firenze l’anno scorso abbiamo perso e anche quest’anno non sarà facile. Non molleranno fino alla fine, ma credo che questa Juve ha la cattiveria agonistica per portare a casa i tre punti che sarebbero fondamentali per la corsa scudetto”.

A fine partita, Higuain ha regalato la maglia ad un bambino: “Ne ho parlato anche con i miei amici, quei 5 secondi che tu regali a un bambino a lui gli rimangono per tutta la vita. La faccia di quel bambino rimarrà nella mia memoria perché veramente i suoi occhi mi ringraziavano tanto per il gesto che stavo facendo. Io gli avevo promesso la maglia ed era giusto dargliela”.

Il Pipita da qualche consiglio a chi insegue il sogno di diventare calciatore: “L’unico consiglio che posso dare è non avere paura di nessuno. Devono andare sulla strada giusta senza bruciare le tappe perché quella è una cosa brutta, devono stare calmi e non sentire né le cose cattive né quelle buone. Stare sempre sulla strada giusta e ascoltare gli amici e la famiglia, perché loro sicuramente sono coloro che ti diranno la verità sempre, chi non ti conosce e dice qualcosa di cattivo o di buono su di te la devi prendere nello stesso modo e non bisogna dargli importanza. Bisogna dare importanza alla gente che ti vuole bene”.

Chiude con una battuta sul possibile settimo scudetto di fila: “Sarebbe fantastico. Io sono venuto qui per vincere e credo che come ho detto ieri questo campionato, è vero dipende anche dal Napoli, ma dipende soprattutto da noi. Abbiamo lo scontro diretto con loro, ma prima di arrivare a quella partita e giocarci lo scudetto, ci saranno tante partite prima. Credo che sarà fondamentale non pensare a quella partita e sarà fondamentale arrivare nel miglior modo possibile a maggio che sarà il tempo in cui si deciderà tutto.