La Juventus di FIFA 98 contro quella di FIFA 18

La Juventus di FIFA 98 contro quella di FIFA 18

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Niente da fare, l’assenza del campionato e le trattative un po’ stagnanti non danno molti spunti su cui argomentare. La Juventus aspetta la prossima partita per riprendere il ritmo dopo la pausa di queste settimane e lo farà con un tour de force che la vedrà scendere in campo tre volte in questo fine mese, più altri sei incontri a febbraio. Un mix di campionato, Coppa Italia e Champions League che può decidere sostanzialmente quale sia il destino dei bianconeri. In attesa di rivedere Dybala e compagni di nuovo in campo, proviamo a vedere che cosa succederebbe se i giocatori attuali incontrassero quelli che comparivano in Fifa 98. Tanto per far scattare il nostalgico che è in tutti noi.

FIFA 98

Scende in campo con un aggressivissimo 4-2-4, in cui non si riesce a tenere fuori nessuna delle frecce a disposizione di mister Lippi. Difficilmente il buon Marcello avrebbe schierato una formazione così spregiudicata, ma quando ti trovi un parco attaccanti che comprende Del Piero, Inzaghi, Zidane, Padovano, Amoruso, Fonseca e Zalayeta… tra effettiva forza, nostalgia canaglia e personale simpatia, proprio non riesco a tenere fuori troppe persone. Quindi i quattro davanti sono Del Piero, Inzaghi, Zidane… e l’ultimo posto in campo se lo giocano Amoruso e Padovano, col primo favorito sul secondo. A centrocampo ci sono solo due posti disponibili e anche qui c’è il rischio di esclusione eccellente. In campo scendono Tacchinardi e Conte, con Davids in panchina (lo so, mi dispiace pure a me) assieme al soldatino Di Livio (altra assenza che fa male). La difesa è fondata su un dogma: Ferrara e Montero. Sulla destra c’è Moreno Torricelli, sulla sinistra il ballottaggio è tra Iuliano e Pessotto, con Gianluca in leggero vantaggio. Nessun ballottaggio in porta: Peruzzi dentro, Rampulla in panca.

FIFA 18

Qui c’è il dubbio: 4-2-3-1 o 4-3-3? Come la mettiamo la Joya in campo? E tutti i dubbi che si ritrova Allegri ogni santa domenica (ma volendo anche a metà settimana), come li risolviamo noi poveri mortali? Teniamoci sulle sicurezze: Dybala e Higuain in campo. Buffon in porta. Pjanic in mezzo al campo. E poi boh… alla fine una Juventus definitiva non esiste. Facciamo una cosa: mettiamo Lichtsteiner sulla destra con Chiellini e Benatia al centro e Alex Sandro sulla sinistra; accanto a Pjanic mettiamo Matuidi e Marchisio, in attacco Cuadrado, Dybala e Higuain. In porta nessun dubbio: Gigi!

COME FINISCE?

Diciamo innanzitutto che rivedere immagini risalenti al 97/98 fanno piangere. Quindi già da quel punto di vista la voglia è quella di tifare Del Piero and friends. La verità è che certi paragoni non si possono fare. Anzi, sono davvero inutili: tempi diversi, giocatori diversi, calcio diverso. I più giovani di chi sta scrivendo (molto più giovani) sicuramente stravedono per Dybala e si chiedono chi era Zidane: ma non è quello che allena il Real Madrid? Eh figliolo, siediti e ascolta una bella storia: “c’era una volta allo Stadio Delle Alpi…”

Non si esce vivi dalla nostalgia.

CONOSCI SPAZIOJ?

SpazioJ è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioMilan.it e SpazioInter.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy