FOTO - Bernardeschi torna a casa: "Mi riempite di calore e affetto"

FOTO – Bernardeschi torna a casa: “Mi riempite di calore e affetto”


Nella giornata di ieri a Carrara è stato inaugurato il primo Juventus Club dedicato proprio a Federico Bernardeschi. Un riconoscimento enorme per l’esterno bianconero, proprio nella città in cui è nato e cresciuto. Ospite d’onore della serata, l’ex Fiorentina ha incontrato i tifosi della sua città ed è stato accolto da un abbraccio caloroso da tutti i presenti. Lo stesso Bernardeschi con un post su Instagram ha voluto esprimere il suo affetto verso la proprie radici.

Il testo integrale:

“Difficile poter esprimere in poche parole ciò che ha rappresentato per me essere lì, dove sono nato e cresciuto. Avevo 6 anni quando, ogni giorno dopo la scuola, prendevo il mio pallone e raggiungevo l’oratorio “Gesuiti”, palleggiando. In quel campetto sono cresciuto, ho sognato ed ho investito in quegli stessi sogni.. La chiave è stata la passione, il divertimento e avere la forza e la costanza di crederci. Ringrazio chiunque fosse presente, soprattutto i bimbi che mi hanno riempito di calore ed affetto ed ovviamente i loro genitori che hanno permesso di essere lì presenti. Spero di aver accontentato tutti e se così non fosse stato, ci saranno altre occasioni. Tornare a casa è speciale, ed è un onore per me farlo in queste vesti. A tutti i ragazzi che coltivano questo sogno vorrei dire: ricordatevi innanzitutto di divertirvi, di proseguire con umiltà e di non demordere alle prime sconfitte, ce ne saranno.. ma d’altronde questa è la vita, le lezioni migliori sono di solito le più dure, spesso fra quest’ultime c’è proprio la sconfitta. Fino a che ci sarà l’entusiasmo ed il sorriso nel cuore, ne varrà la pena. GRAZIE DI CUORE A TUTTI ❤️”

eva

Difficile poter esprimere in poche parole ciò che ha rappresentato per me essere lì, dove sono nato e cresciuto. Avevo 6 anni quando, ogni giorno dopo la scuola, prendevo il mio pallone e raggiungevo l’oratorio “Gesuiti”, palleggiando. In quel campetto sono cresciuto, ho sognato ed ho investito in quegli stessi sogni.. La chiave è stata la passione, il divertimento e avere la forza e la costanza di crederci. Ringrazio chiunque fosse presente, soprattutto i bimbi che mi hanno riempito di calore ed affetto ed ovviamente i genitori che hanno permesso loro di essere lì presenti. Spero di aver accontentato tutti e se così non fosse stato, ci saranno altre occasioni. Tornare a casa è speciale, ed è un onore per me farlo in queste vesti. A tutti i ragazzi che coltivano questo sogno vorrei dire: ricordatevi innanzitutto di divertirvi, di proseguire con umiltà e di non demordere alle prime sconfitte, ce ne saranno.. ma d’altronde questa è la vita, le lezioni migliori sono di solito le più dure, spesso fra quest’ultime c’è proprio la sconfitta. Fino a che ci sarà l’entusiasmo ed il sorriso nel cuore, ne varrà la pena. GRAZIE DI CUORE A TUTTI ❤️ #blessed #carrara #rocknroll

A post shared by Federico Bernardeschi (@fbernardeschi) on

ULTIME NOTIZIE