Marchisio, o sull'illusione di tornare protagonista