Tommasi, la Coppa Italia e le riforme: è lui l'uomo giusto per il calcio italiano

Tommasi, la Coppa Italia e le riforme: è lui l’uomo giusto per il calcio italiano

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Diciamoci la verità: ripartire dopo Italia-Svezia non sarà affatto semplice. La Nazionale Italiana che non parteciperà ai prossimi Mondiali è qualcosa di terribilmente doloroso ma allo stesso tempo rappresenta un segnale chiaro e tangibile. Il sistema calcio in Italia va rifondato dalle basi. E forse l’uomo giusto può essere proprio Damiano Tommasi che anche in questa veste federale ricorda molto il giocatore che era in campo. Magari poco appariscente ma terribilmente pratico. Ed è forse proprio questo quello di cui il calcio nostrano ha bisogno.

Una Coppa Italia per gli italiani

“Dare un’altra veste alla Coppa Italia, farla sentire sempre più la Coppa degli Italiani. Riuscire ad allargare la partecipazione alle squadre fino al dilettantismo. Ad esempio studiare bene la Fa Cup e riuscire a convogliarla nella nostra Coppa Italia”. Già perché il tema Coppa Italia resta uno dei più seguiti anche perché con la modalità attuale diventa sempre meno attraente. Creare una nuova competizione che possa mettere in risalto anche realtà più piccole del nostro calcio potrebbe essere la mossa vincente.

Ius Soli

Damiano Tommasi sorride quando si parla di Politica che vorrebbe tenere ben lontano dalla Federazione. Ma ritorna ben presto serio quando si parla di Ius Soli che potrebbe rappresentare un vantaggio consistente per tutto il movimento: “Chi nasce in Italia, cresce e si forma qui credo abbia il diritto di sentirsi italiano e possa contribuire a far grande il nostro paese. In Germania questo passaggio ha favorito la naturalizzazione di tantissimi atleti ed oggi è la Nazionale campione del Mondo in carica”.

Poche riforme ma mirate, nessuno slogan acchiappa voti. Solo tanta voglia di lavorare e rimboccarsi le maniche. Questa è l’impressione che Damiano Tommasi regala ai tifosi italiani che sperano in una rinascita. Non si parla di nomi per il nuovo commissario tecnico della Nazionale bensì di idee e nuovi programmi da attuare il prima possibile. E dopo anni di annunci esorbitanti, di titoli a caratteri cubitali forse è proprio questo quello di cui il calcio nostrano ha bisogno. Questa l’intervista concessa ad il Rompipallone.it

 

CONOSCI SPAZIOJ?

SpazioJ è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioMilan.it e SpazioInter.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy