Bologna-Juve: altra sveglia per Dybala, partirà ancora dalla panchina

paulo dybala juventus lazio supercoppa 2017 juventus 2017 2018 spazioj
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Quella di sabato sera contro l’Inter potrebbe non essere l’ulitma panchina dell’anno per Paulo Dybala. Il fenomeno argentino infatti sembra destinato a non partire tra i titolari anche nella sfida contro il Bologna di domenica. Nella seconda parte del girone d’andata infatti, il diez bianconero ha attraversato, e ancor ora, un periodo davvero no.

STATISTICHE INCREDBILI

Le statistiche parlano chiaro: solo 2 gol nelle ultime 10 partite, oltre che a prestazioni deludenti. Nelle prime sei giornate invece Dybala aveva collezionato ben 10 reti.  Una differenza di rendimento che ha portato Massimiliano Allegri a lasciarlo in panchina nel derby d’Italia. Allegri non è nuovo a queste cose, come già dimostarto quest’anno con il Pipita Higuain. 

LE PAROLE DI AGNELLI

Sulla faccenda è intervenuto anche il presidente Andrea Agnelli, il quale, alla consgena dei Gazzetta Awards, ha voluto dire la sua, incoraggiando e sostenendo il giovane argentino.

Paulo? Non è successo niente, è solo un momento come capita a tanti atleti che fanno questo lavoro. Può succedere di non riuscire a esprimersi secondo il suo grande potenziale e talento. Ma in valori assoluti se parliamo di Dybala si può dire che può meglio. Lui rimane sempre il giocatore più forte che abbiamo, quindi vorrei sempre averlo con me e sono contento di averlo”.

SULLE PAROLE DI NEDVED

“Pavel Nedved, secondo me, dall’alto della sua esperienza ha dato un consiglio spassionato a un ragazzo che è già campione e potrebbe diventare il numero uno in assoluto. E questo a Paulo dovrà fare molto piacere, il fatto cioè che uno come Pavel spenda parole e dispensi consigli così importanti i quali possono indirizzare sulla strada giusta per diventare il numero uno”.

Paulo è troppo intelligente per non capire determinati discorsi. Ognuno di noi in carriera ha avuto momenti di difficoltà e nessuno te li risolve: devi essere tu per primo a fare qualcosa perché la tendenza si inverte, e poi magari la società e i compagni possono darti un supporto“.