Clamoroso, Donnarumma-Milan: Raiola vuole annullare il contratto. I dettagli

Fonte foto: screenshot Youtube
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Il rinnovo contrattuale di Gigio Donnarumma con il Milan ha rappresentato la classica telenovela estiva di calciomercato. Tuttavia, tra la società rossonera e il giovane portiere sembrava essere tornato il sereno dopo il ricco contratto offerto a luglio: una trattativa conclusasi sulla base di sei milioni di euro a stagione (più l’ingaggio del fratello Antonio). Insomma, tutti contenti. Raiola compreso. O almeno così sembrava. Infatti, lo scenario che si sta prospettando in casa Milan, a soli pochi mesi di distanza, ha davvero del clamoroso.

CI RISIAMO

L’entourage del portiere classe ’99, capitanato da Mino Raiola, avrebbe invocato, stando a quanto riportato dal Corriere della Sera, l’annullamento del contratto firmato in estate appellandosi a una presunta violenza morale che il ragazzo avrebbe subito. Il portiere avrebbe riferito al club: “Pressioni psicologiche, ho firmato ma non ero sereno”.

Inoltre, la doppia clausola rescissoria voluta dai rossoneri, una di 40 milioni in caso di mancato approdo del Milan alla Champions e l’altra di 70 nell’eventualità di una promozione europea dei rossoneri, non è mai stata depositata in Lega dal Milan per il semplice motivo che la controparte non l’ha sottoscritta.

Insomma, tra le parti si prospetta una vera e propria battaglia legale. L’obiettivo di Mino Raiola è quello di liberare Donnarumma, a fine stagione, a parametro zero. Alla ricerca, ovviamente, di un contratto migliore.

Luca Piedepalumbo