Infortunio Higuain, i tempi di recupero: ecco quando tornerà in campo

Infortunio Higuain, i tempi di recupero: ecco quando il Pipita tornerà in campo


Infortunio Higuain, i tempi di recupero – Higuain salterà la sfida di venerdì prossimo contro il Napoli, ma, come scrive La Gazzetta dello Sport all’interno dell’edizione cartacea odierna, l’Italia del calcio non è felice. Non è felice nessuno: né i bianconeri che volevano sfidare i rivali con tutta l’artiglieria, né gli azzurri che volevano superare per decibel i fischi dell’anno passato. Il campionato perde una delle stelle più luminose nella partita dell’anno.

INFORTUNIO HIGUAIN: L’OPERAZIONE

Il Pipita paga un fastidioso guaio alla mano sinistra per cui ieri è finito sotto ai ferri: nel primo pomeriggio è entrato nella clinica «Sede Sapientiae», zona San Salvario a Torino, e per 45’ ha subito un intervento chirurgico di riduzione e sintesi della frattura al terzo raggio metacarpale. A operarlo il dottor Loris Pegoli e il professor Roberto Rossi del J Medical, alla presenza del dottor Claudio Rigo, medico del club.

I TEMPI DI RECUPERO

Da oggi Gonzalo inizierà il percorso di recupero accompagnato da un tutore. Al netto di qualche ottimistica apertura serale, un passo oltre la speranza nel miracolo, il San Paolo sembra davvero lontano. Lontanissimo. Ma restano altri due appuntamenti decisivi per il Pipita: il ciclo di fuoco che inizia al San Paolo si completa con il viaggio al Pireo per la qualificazione Champions, contro l’Olympiacos martedì 5 dicembre, e poi con l’altro match-scudetto all’Allianz, contro l’Inter nel sabato successivo.

I precedenti dicono che gli infortuni di questo tipo hanno sempre bisogno di due settimane piene per essere superatisenza ansia: quattro anni fa, ai tempi del Milan allegriano, Kevin-Prince Boateng subì lo stesso intervento il 3 settembre 2012 e ritornò in campo il 15 (ma di mezzo c’era la sosta). In alcuni casi, però, con saggezza ed elasticità, si possono fare strappi e ridurre i tempi. Molto dipenderà dal decorso operatorio: se la frattura sarà ben stabilizzata, la mano si sgonfierà presto e l’argentino smetterà di provare dolore,si potrà rischiare l’azzardo dopo Napoli.


LEGGI ANCHE –> No Higuain no party? No, la Juventus è più di questo