Allegrismo vs Sarrismo: meglio il tiqui-taca o la solidità?

Allegrismo vs Sarrismo: meglio il tiqui-taca o la solidità?


È la settimana di Napoli-Juventus, tutto il resto passa inevitabilmente in secondo piano. Come riporta Tuttosport all’interno dell’edizione cartacea odierna, i contorni del duello tra azzurri e bianconeri, evidentemente senza esclusione di colpi, sono molto chiari: il sarrismo contro l’allegrismo, e chissà se qualcuno nell’attesa vorrà ampliare il lessico con altre definizioni legate a Napoli-Juventus.

ALLEGRISMO vs SARRISMO: TRA TIQUI-TACA E SOLIDITÀ

Ma al di là di questioni e consegne tattiche ai ventidue fortunati pronti a calpestare l’erba del San Paolo da titolari, qui interessa anche la tenzone filosofica: meglio il tiqui-taca degli azzurri, che diverte e produce risultati, oppure la ritrovata solidità dei bianconeri che fanno dell’equilibrio il distinguibile marchio di fabbrica? Meglio il Napoli cinico («e straordinario», direbbe Allegri) capace di vincere anche quando gioca meno bene o la Juve che pure sulle qualità dei singoli basa i propri successi? Il dibattito è aperto da quando Sarri ha riportato i campani lassù, scomodando confronti un po’ così con Sacchi e il sacchismo.

Di sicuro, dopo aver domato il Barcellona i campioni d’Italia sentono che stanno ritrovando il giusto mix fra risultati e affiatamento di gruppo, che poi dipende soprattutto dal fatto che i singoli giocatori siano in una condizione fisica diversa l’uno dall’altro.

ALLEGRI IMPONE DIFESA E TECNICA

Fra tattica e filosofia, ad ogni modo, il feeling è speciale. E l’incrocio fra Napoli e Juventus, scoppiato dalla notte di domenica e che promette scintille nei tre giorni che mancano al partitone, va analizzato sotto questa duplice sfaccettatura. Al match è auspicabile da parte bianconera un’avvio e uno sviluppo belli tosti, con particolare attenzione alla fase difensiva. Una Juve, nel contempo, pronta a scatenare la tecnica, migliorare la qualità nel palleggio, lasciare campo aperto alle invenzioni di chi è pagato per decidere anche questo genere di partite, magari sfruttando una sola occasione.


LEGGI ANCHE –> La Juventus oltre Higuain: come sopperire all’assenza del Pipita


PRIMA VOLTA CON LA DIFESA A 3

I precedenti insegneranno qualcosa: nelle ultime quattro sfide al San Paolo, quelle che la Juve ha affrontato con Allegri in panchina, per due volte i campioni d’Italia si sono schierati con il 4-3-1-2, mentre nella scorsa stagione il 4-2-3-1 è risultato intoccabile. Per Max sarebbe la prima volta a Fuorigrotta con la difesa a tre, cambio di modulo indispensabile nel momento in cui centrocampisti e attaccanti non difendono come si deve. E anche se priva di Higuain la Juventus indosserà un altro abito di gala: diverso, ma non è detto che sia meno solido.

eva

Meno Pipita, più Joya nella veste di perforatore? Al trio di centrocampisti azzurri capitanati da Jorginho toccherà il gravoso compito di distrarre Dybala allontanando l’argentino dalla porta. Lì dove oggettivamente il numero 10 juventino fa meno male.

(Fonte: Tuttosport)

ULTIME NOTIZIE

Chi Siamo

Spazio J è un giornale online in cui troverai sempre le ultimissime news sulla Juventus Football Club, foto, calciomercato, video, magazine, informazioni utili, prezzi dei biglietti e orari di mezzi di trasporto per lo Juventus Stadium.

Nuovevoci

Appendice sportiva della testata giornalistica "Nuovevoci" - Aut. Tribunale di Torre Annunziata n. 3 del 10/02/2011

Direttore responsabile: Pasquale Giacometti

Iscrizione al Registro degli Operatori per la Comunicazione n. 22640, autorizzazione della Lega Serie A all’esercizio della cronaca audio/video.

Testata non ufficiale, non autorizzata o connessa a Juventus Football Club S.p.A. o I marchi JUVENTUS, JUVE e Juventus.com sono di esclusiva proprietà di Juventus Football Club S.p.A., il cui sito ufficiale è www.juventus.com

Contatti: ufficiostampa@nuovevoci.it

Copyright © 2015 Cierre Media Srl