Svezia-Italia: "Chiellini come Busquets". Berg la tocca piano: "Italiani attori e provocatori"

Svezia-Italia: “Chiellini come Busquets”. Berg la tocca piano: “Italiani attori e provocatori”


Svezia-Italia non passerà di certo alla storia come la partita più corretta del terzo millennio. Anzi, tutt’altro. Italiani e svedesi – più quest’ultimi che i primi – se le sono date di santa ragione per tutta la durata del match. Il ciò è stato anche favorito dall’arbitraggio all’inglese del turco Cakir, che non ha mai sanzionato i gomiti alti e le braccia larghe dei padroni di casa. Al termine della partita univoca la voce del coro italiana che si scaglia contro il direttore di gara. A guidare l’orchestra è Bonucci, che già nei primi minuti ha ricevuto una gentile gomitata dallo svedese Toivonen che gli avrebbe rotto il setto nasale.

CHIELLINI COME BUSQUETS

Dal canto loro, anche gli svedesi pare sembrino recriminare, accusando infatti gli italiani di slealtà per essersi lasciati cadere troppo facilmente e di protestare con troppa veemenza. Come se non bastasse, gli svedesi chiedono pure una sanzione disciplinare per Chiellini. Sui social tanti tifosi scandinavi hanno condiviso una clip in cui il difensore della Juventus e della Nazionale, a terra dopo uno scontro con Buffon provocato dalla spinta di un attaccante svedese, sembra alzi la testa per controllare se l’arbitro voglia sanzionare l’autore della spinta. Episodio che viene immancabilmente paragonato a quello che vide protagonista Sergi Busquets. Il centrocampista del Barcellona infatti, nella semifinale di Champions League del 2010 giocata contro l’Inter, provocò l’espulsione per Thiago Motta.

SVEZIA-ITALIA, IL COMMENTO DI BERG

Al termine della partita Marcus Berg risponde senza mezzi termini alle domande che gli vengono poste, controbattendo alle accuse rivolte agli svedesi. Secondo la Gazzetta dello sport, l’attaccante scandinavo avrebbe detto: “Nel secondo tempo loro mi hanno provocato, cercavano di farmi prendere il secondo giallo. Troppo teatro: non sono stati bravi neanche a fare gli attori. Noi abbiamo fatto bene ciò che ha voluto il mister, loro hanno colpito solo un palo, per il resto non hanno creato molto”.