Howedes, il recupero si avvicina: col suo rientro Allegri starebbe pensando di stravolgere tutto

Howedes, il recupero si avvicina: col suo rientro Allegri starebbe pensando di stravolgere tutto


È l’11 novembre ed Allegri non ci ha ancora sorpreso con nessuna delle sue pazze idee. In effetti c’è ancora del tempo: lo scorso anno l’impensabile trovata del 4-2-3-1 maturò soltanto a metà gennaio, quando il tecnico livornese – dopo la sconfitta di Firenze – capì che il 3-5-2 aveva ormai fatto il suo corso. Stavolta lo stravolgimento (tattico) potrebbe però essere anticipato di qualche mese. Il motivo? Howedes si avvicina al pieno recupero ed il mister bianconero, vedendolo carico e particolarmente in forma, pare allora voglia ritornare alla “contiana” difesa a tre.

CON HOWEDES SI PENSA AL 3-4-3

Nelle intenzioni di Allegri, in una difesa a 3 orfana di Bonucci, le redini della retroguardia passerebbero a Daniele Rugani, ipoteticamente schierato al centro dei tre. Ai suoi lati immancabile l’apporto di Chiellini a sinistra e, quindi, di Howedes a destra. In centrocampo le fasce verrebbero occupate da Alex Sandro e Cuadrado, con Asamoah e Bernardeschi pronti ad insidiare la titolarità dei compagni. Al centro il tecnico di Livorno, così come col 4-2-3-1, avrà una vasta gamma di scelta. Con Pjanic, Matuidi, Khedira, Marchisio e Bentancur -che non va dimenticato – comunque pescherà lo farà bene. In attacco Dybala potrebbe essere proiettato sulla destra: sul lato opposto Mandzukic ed al centro Gonzalo Higuain.

Cambierebbe tuttavia ben poco rispetto al normale ed attuale assetto tattico adottato da Allegri. Basterebbe infatti spostare dieci metri più a destra il campione del mondo tedesco con la maglia numero 21 (che ha già quel ruolo nei mondiali 2014 con “discreti” risultati) per passare nuovamente al rodato 4-2-3-1.

IL DECENTRAMENTO DI DYBALA

Più che per Howedes, questo modulo pare sia fatto su misura per Dybala. Già, perché nelle ultime settimane il fenomeno di Laguna Larga è stato sottoposto a pesanti critiche. Dopo l’exploit di inizio stagione, il neo numero 10 bianconero è diventato motivo di studio e di particolare attenzione delle difese avversarie, che gli hanno riservato così un trattamento “speciale”. Non a caso infatti il suo regresso arriva proprio nel suo momento migliore di sempre. Spostando sulla destra l’argentino gli verrebbe restituita – finalmente – quella libertà che lui stesso più di tutti ha contribuito a vedersi negare.

Insomma, la classica Allegrata spacca stagione sta per arrivare. Prepararsi all’impatto.