Si scrive Chiellini, si legge monumentale!

Si scrive Chiellini, si legge monumentale!


La Juve ha eretto un muro. Invalicabile, insormontabile, insuperabile. Questo muro ha le sembianze di Giorgio Chiellini. Il difensore toscano si è reso anche questa sera protagonista di una prestazione da applausi. La solita grinta a disposizione della squadra. La solita leadership da vero e proprio trascinatore. La sua condizione psicofisica che viene evidenziata per i suoi contrasti, la sua tranquillità, la sua aggressività che praticamente annulla l’olandese Bas Dost.

Giorgio Chiellini: monumentale

La Juventus porta a casa i tre punti contro lo Sporting Lisbona ribaltandola grazie alle reti di Pjanić e Mandžukić, ma la prestazione di Giorgio Chiellini fa tanto rumore. Perché il difensore bianconero ha nuovamente deciso di essere il leader di questo gruppo con un’altra performance da urlo. Se la squadra al momento evidenzia un ritardo di condizione, questo non intacca il momento d’oro del centrale livornese. Dopo aver indossato la maglia della Nazionale trascinando la squadra di Ventura risultando decisivo anche sotto porta, Chiellini sta letteralmente dando una mano anche al gruppo di Massimiliano Allegri.

Responsabilità

Giorgio sta facendo più di quanto nessuno forse si sarebbe aspettato. Al centrale bianconero viene chiesto di difendere, di non far segnare la squadra avversaria. Ma Chiellini sta andando oltre. Si è praticamente sobbarcato il peso della Juventus sulle sue enormi spalle e la sta pian piano portando fuori da questo momento non del tutto positivo. Un segnale chiaro non solo per i nuovi arrivati a Torino ma soprattutto alla Vecchia Guardia bianconera. Anche in una gara nefasta come quella contro la Lazio il suo modo di interpretare la gara, di crederci fino all’ultimo secondo ha rialzato il morale di tutti i bianconeri presenti sul rettangolo verde di gioco. Insomma la sensazione tangibile è che dopo la partenza di Leonardo Bonucci qualcosa sia cambiato. In effetti è vero perché Giorgio Chiellini è tornato a prendersi diverse e nuove responsabilità, come solo un capitano farebbe.