Juve-Sporting anche in ottica mercato: William Carvalho fa ancora gola ai bianconeri

Juve-Sporting anche in ottica mercato: William Carvalho fa ancora gola ai bianconeri


La Juve e il mercato a centrocampo, un binomio in continua evoluzione e con infinite voci che si rincorrono di giorno in giorno, e spesso di ora in ora. Stasera i bianconeri saranno impegnati sul campo dell’Allianz Stadium per la terza giornata della fase a gironi di Champions, e questa sarà l’occasione migliore per continuare a monitorare uno dei tanti obiettivi emersi dal taccuino di Marotta e del suo entourage: William Carvalho, centrocampista portoghese (e detentore dell’Europeo del 2016) classe ’92, su cui sono spuntate nuove indiscrezioni nelle ultime ore.

Concorrenza spietata

Anche il Monaco è sulle tracce del mediano lusitano, e secondo le ultime fonti inglesi, pervenute attraverso il portale Bleacher Sport, anche il Liverpool, club sempre molto attivo sulla vetrina del calciomercato, sarebbe interessato al giocatore, su cui pesa una clausola che non lo valuta meno di 40 milioni. Insomma si prospetta una bella concorrenza a livello europeo per la Juventus, e di certo non si tratta di una novità. Tra gli altri nomi, Marotta non ha mai smesso di monitorare l’arcinoto Emre Can, militante nel Liverpool, e il giovane Diogo Dalot, diciottenne del Porto, con una quotazione che si aggira già intorno ai 20 milioni, nonostante la giovanissima età.

Idea Deulofeu per gennaio

Cambiando rapidamente ruolo, si era già parlato anche di Gerard Deulofeu, attaccante e ala spagnolo del Barcellona, reduce di una seconda metà dello scorso campionato con il Milan davvero ad alti livelli, come di un possibile obiettivo dei bianconeri. In estate il nome era balzato fuori nel lungo periodo di stallo in cui Marotta ancora non aveva chiuso le pratiche per Douglas Costa e per Bernardeschi. Ora è il quotidiano sportivo spagnolo As a tornare sul profilo blaugrana, per quanto concerne il mercato di gennaio, ma Valverde, tecnico del Barcellona, difficilmente rinuncerà a lui, soprattutto dopo l’infortunio di Dembelè.