Jorge Jesus: “La Juve è una delle prime cinque al mondo. Per noi quanto fatto è già una vittoria”

Ha parlato l’allenatore dello Sporting Lisbona, Jorge Jesus, ai microfoni di Sporting TV, a poche ore dal fischio d’inizio della sfida serale di Champions all’Allianz Stadium: “Abbiamo una piccola possibilità di superare il girone e passare agli ottavi, però lo Sporting ha già vinto per come ha giocato con il Barcellona e per la sfida di stasera in Italia contro la Juventus, con tutto il mondo che ci guarda. Queste partite aumentano la responsabilità nei nostri confronti e sul fatto di avere una squadra in grado di giocare con una delle cinque migliori d’Europa“.

Jesus ha già avuto occasione di far male alla Signora. E i bianconeri non se lo sono i certo dimenticati: stagione 2013/14, semifinale di Europa League. La Juve di Conte, con l’opportunità di giocare la finale in casa, spreca ogni possibile occasione e non riesce a superare il Benfica, ai tempi guidato proprio da Jesus.

Fiducia nel lavoro, la Champions è la miglior vetrina possibile

Esaminando il girone D in cui lo Sporting è protagonista, dal punto di vista di Jesus la situazione non può che essere complicata: “Senza dubbio nel nostro gruppo abbiamo due grandi club: Barcellona e Juventus. Abbiamo fiducia nel nostro lavoro e nei nostri giocatori e vogliamo dimostrare di avere capacità che altri non credono siano in nostro possesso. La Juventus è piena di grandi giocatori, molto famosi in Europa e reduci da due finali di Champions League negli ultimi tre anni. La Juve non ha bisogno di presentazioni, lo Sporting sì. Abbiamo la necessità di esibirci in queste competizioni“.

Queste parole non fanno altro che alzare la tensione tra i suoi giocatori, che cercheranno senza dubbio di mettersi in mostra e di provare a portare a casa il risultato. Anche per questo i bianconeri non possono permettersi di abbassare minimamente l’attenzione. Il sottovalutare questi avversari potrebbe rivelarsi il peggior errore possibile, e in Europa tali cadute sono sempre dietro l’angolo.

Veloso: “Sporting, occhio a Dybala”

Sul match di questa sera si è soffermato brevemente anche Miguel Veloso, centrocampista del Genoa, che conosce bene sia la Juventus, avversaria sul campo, sia lo Sporting, sua ex-squadra. Ecco le sue parole riportate dal quotidiano portoghese A Bola: “Nella Juve tutto il gioco offensivo passa dai piedi di Dybala, e l’argentino è un calciatore in grado di decidere la gara in qualunque momento. Nello Sporting c’è invece Gelson Martins che può fare la differenza e risolvere la partita con la sua velocità e le sue doti tecniche“.