La moviola di SJ – Il VAR salva Mazzoleni nel finale, partita buona nel complesso

La Juventus cade per la prima volta in questo campionato e lo fa in casa dopo 41 match senza sconfitta. Il match è stato molto concitato e il VAR ha avuto il suo da fare. L’arbitro di campo era Mazzoleni, con assistenti Manganelli e Preti. Quarto uomo Giacomelli, mentre al VAR c’erano Fabbri e Aureliano. Vediamo gli episodi più importanti.

 

24′ – REGOLARE IL GOL DELLA JUVENTUS

Proteste da parte dei calciatori della Lazio sul gol di Douglas Costa. Mazzoleni concede il gol e fa bene: la sua decisione viene confermata anche dal VAR, che controlla che la posizione del brasiliano è regolare. Sul tiro di Khedira, infatti, è Bastos, sull’out di sinistra, a mantenere in giochi l’esterno ex Bayern Monaco. In questa circostanza si perdono circa 2 minuti, ma alla fine del primo tempo il direttore di gara non darà recupero. Unico neo della partita di Mazzoleni.

51′ – NIENTE ROSSO PER BUFFON SUL RIGORE

Al 51′, Gigi Buffon atterra Ciro Immobile in area di rigore. Mazzoleni decreta penalty sacrosanto visto il contatto tra i due, ma Simone Inzaghi si lamenta per la mancata espulsione del portiere della Juventus e della Nazionale. Ovviamente è corretta la decisione dell’arbitro, in quanto da quest’anno non c’è più la regola della doppia sanzione. Rigore e giallo, pertanto.

94′ – VAR DECISIVA SUL RIGORE PER LA JUVENTUS

Così come a Bergamo, ancora una volta il VAR decreta un rigore per la Juventus. Sfortunatamente, ancora una volta, Paulo Dybala si lascia ipnotizzare dal portiere avversario. Questa volta, però, la moviola non appoggia la decisione di Mazzoleni, bensì la cambia. L’intervento di Patric, nonostante tocchi il pallone, è violento e con la gamba destra impatta in modo durissimo la gamba di Bernardeschi. Giusto, dunque, assegnare rigore alla Juventus.

GIUDIZIO COMPLESSIVO SULL’ARBITRO

Un operato giusto, tutto sommato, quello del direttore di gara Mazzoleni. Le decisioni prese sono tutte giuste, grazie anche all’aiuto del Video Assistant Referee. L’unico neo riguarda il mancato recupero nel primo tempo, ma questa dovrà essere una direttiva che dovrà arrivare dall’alto, visto che non c’è ancora una regolamentazione precisa sull’effettivo tempo di gioco dopo la chiamata in causa della VAR.