La Signora vince anche fuori dal campo: incassi da record per il JMuseum

La Juventus, è risaputo, ha il maggior numero di tifosi in Italia. Questi grandi numeri portano il club bianconero ad avere incassi da record durante le partite, sia in casa sia in trasferta. Ma i numeri fenomenali della Vecchia Signora vanno oltre il rettangolo verde. Secondo i dati riportati dal quotidiano torinese Tuttosport, infatti, il museo ufficiale bianconero sta scalando ogni classifica, sportiva e non, e anno dopo anno continua ad incrementare il numero di visite e ovviamente degli incassi.

La legge dei grandi numeri

Attualmente il JMuseum si trova al 47esimo posto nella classifica dei musei italiani più visitati (e considerando che nel Bel Paese ovunque si possono trovare musei e cimeli storici, preda continua di affamati turisti che giungono da ogni parte del globo, il risultato ottenuto ad oggi è già grandioso), e si presta ad un continuo rialzo, vista la percentuale di crescita che si sta verificando stagione dopo stagione. Inaugurato nel 2012, il museo fortemente voluto da Andrea Agnelli ha subito anche dei lavori di ampliamento nel 2015, ed ora non è solo motivo di intrattenimento per molte famiglie, ma è anche un punto di partenza per poter ammirare la Storia (con la S maiuscola) scritta dai bianconeri.

Dieci milioni per la Storia

Nella stagione 2016/17 gli incassi registrati sono stati intorno ai dieci milioni, con una media visitatori di circa 500 al giorno (2000 se si tratta di giorni con la Juve che gioca in casa), ed un totale di 180476 visite. In generale, considerando i dati dall’inaugurazione ad oggi, il numero di visitatori si avvicina al milione. Numeri che i bianconeri vogliono continuare ad aumentare. E quando si parla di gap con altri top club europei, anche di questo si intende… Per poter raggiungere certi livelli non ci si può permettere alcun limite, e questo Agnelli e la società intera lo sanno bene.