John Elkann: “La Juve appartiene alla nostra famiglia e a Torino, impossibile cambi qualcosa”

John Elkann ribadisce l’appoggio incondizionato al cugino e presidente della Juventus Andrea Agnelli, inibito per un anno per la vicenda ultrà-biglietti. Ecco le sue parole rilasciate al Corriere della Sera.

PARLA JOHN ELKANN

IN DIFESA DI ANDREA AGNELLI – “Sarebbe istruttivo leggere la sua deposizione davanti alla Commissione antimafia: dimostra come si possono costruire realtà diverse rispetto a quanto è davvero accaduto”.

JUVE-AGNELLI: BINOMIO INSCINDIBILE – “La Juve appartiene alla nostra famiglia e a Torino, è nel mondo il club con la più grande longevità di appartenenza ad una famiglia e non c’è intenzione che questo cambi. Con la presidenza di Andrea ha ottenuto ottimi risultati sportivi, tenendo conto dei risultati economici. Questo percorso virtuoso è garanzia di continuità”.

SFIDA SCUDETTO – “Ben venga un campionato con protagonisti forti come il Napoli, la Juve ha sempre dimostrato di saper competere”.

SU BONUCCI – “Sta imparando cosa significhi lavorare in una squadra diversa…”.

JUVE IN EUROPA – “È umiliante che si continui a parlare di Juve non all’altezza delle altre grandi d’Europa, dopo due finali di Champions League in tre anni”.

Luca Piedepalumbo