Pipa, non farci aggiungere una "p" in più

Pipa, non farci aggiungere una “p” in più


Caro Gonzalo, ho un amico che non ti venera per niente. Ogni volta che fai un errore gode internamente, non vede l’ora di sbeffeggiarti per dire che sei uno che pensa solo alle bistecche. Tu chiamalo se vuoi, il classico tifoso medio italiano: quando qualcuno sta antipatico, non vede l’ora di offenderlo. Mi piace stuzzicarlo quando fai gol: io non sono uno che esulta come un decerebrato ad ogni occasione (specialmente in campionato) ma i tuoi gol hanno sempre quel sapore di rivalsa, quel ché in più. Sono come la mostarda sulle patatine fritte: un gusto insolito per chi è amante della maionese o del ketchup, che ogni volta riavviva la sensazione di un cibo di cui conosci perfettamente ogni singolo dettaglio. Ad inizio della scorsa stagione il mio amico (che continuerò a non citare per ovvi motivi di privacy) sentenziò: “Higuain in tre anni deve segnare 90 gol, uno per ogni milione speso”. Se qualcuno se lo fosse dimenticato per adesso ne hai segnati 34 tra campionato e coppe varie. Quindi, a quasi due anni dalla fine di questo “traguardo”, ti mancano ancora 56 reti: considerando la tua media gol, un obiettivo del tutto plausibile.

UN BLACKOUT?

Quest’anno cosa ti sta succedendo? Se la 10 ha infiammato Dybala, in qualche modo ti ha spento. Per la seconda volta consecutiva sei stato sostituito ad una decina di minuti dal termine. In questo momento la stampa concorda nel dire che non sei ancora fisicamente in condizione. Il tuo apporto nella partita sta nel fare a sportellate, attirare l’attenzione su di te per poi smarcarti, cose che ti riescono decisamente bene. Però lo sai benissimo: tu sei lì per segnare! Oggi la cosa migliore che hai fatto è stata scansarti sul primo gol di Dybala. Non che vada sminuito questo tuo gesto, in fondo è anche dal lavoro sporco che si valuta la qualità e la concretezza di un giocatore. Ma il tuo compito come ben sai, è di buttarla dentro. Ovvio che non ci puoi riuscire sempre, inutile farti processi se per due partite non segni (anche perché poi se vai a segno per tre-quattro partite consecutive stiamo tutti a glorificarti), però bisogna capire cosa ti sta succedendo. Oggi sei stato lento e prevedibile, quando avevi l’occasione per zittire tutti invece gli hai fatto alzare la voce. Sei la punta di diamante della Juventus, sei quello che deve portare a casa i punti pesanti. Ma soprattutto, più di ogni altra cosa, devi far zittire il mio amico. -56 Pipa. -56. Vamos.