Questione di numeri uno: Szczesny in campo contro il Chievo, Buffon si prepara per il Barça

Questione di numeri uno: Szczesny in campo contro il Chievo, Buffon si prepara per il Barça


Allegri è stato categorico nella conferenza stampa odierna di avvicinamento alla terza giornata di Serie A: in porta contro il Chievo gioca Wojciech Szczesny. Il portiere polacco su cui la Signora ha investito 12 milioni per l’acquisto dall’Arsenal è dunque pronto all’esordio ufficiale con la magia bianconera. Il suo predecessore, Neto, ha avuto vita difficile alle spalle di Buffon, il Numero Uno, che nonostante l’età sempre più avanzata resta una certezza, oltre a tutto ciò che il Capitano rappresenta per la squadra. Ora, alle porte del quarantesimo compleanno di Gigi, le opportunità per il portiere ex Roma crescono sempre di più. Intanto Buffon si prepara per la Champions di martedì sera. Il Barcellona è un appuntamento così importante per il blasone del match in sé, che Gigi sa di non poter mancare.

Un’alternanza vincente

La stagione lunga e impegnativa che la Juve ha appena iniziato non sarà facile da gestire. Per questo ad Allegri sono state messe a disposizione tante pedine importanti, soprattutto come riserve di lusso, che nel momento in cui sono chiamate a entrare in campo e mettersi in gioco, possono garantire delle prestazioni in grado di non far rimpiangere chi invece sulla carta è titolare fisso. Questo concetto sta alla base della scelta di Szczesny, un giocatore che conosce benissimo il campionato italiano, e che ha dimostrato nella sua esperienza in giallorosso di saper difendere la porta anche nelle occasioni più difficili e decisive. In totale nei due anni alla Roma ha collezionato 79 presenze e 90 reti subite, considerando anche le poco fortunate esperienze europee. Tutti gli addetti ai lavori, e sicuramente Buffon stesso (che ha sempre usato parole di elogio nei confronti del suo sostituto), sanno che il portierone Campione del Mondo non può garantire 38 partite a livelli altissimi, aggiungendo poi le gare di Champions e Coppa Italia.

Un futuro da titolare

Non basta. La Juve ha pensato anche al suo futuro. Buffon sta affrontando la sua ultima stagione, e vuole senza dubbio chiudere in bellezza una carriera che non ha bisogno di presentazioni. Ciò che serve è dunque un futuro portiere titolare, che possa vestire la prestigiosa maglia numero uno. Szczesny è il nome più adatto, in questo momento. O perlomeno è quello su cui Marotta ha deciso di puntare, anche per i prossimi anni. Sostituire il migliore di tutti i tempi non è impresa facile, anzi è del tutto impossibile: dunque la scelta migliore è quella di inserire gradualmente il polacco tra i pali bianconeri, in modo da capire già che cosa lo aspetta per i prossimi anni, e come portare a termine il compito più arduo, imparando dal miglior Maestro possibile nel ruolo. Una grande risposta è attesa non solo dal portiere, ma anche (e soprattutto) dal reparto difensivo, in parte ricostruito dopo gli addii importanti dell’estate.