It's time to reset

It’s time to reset


Quattro giorni dopo, fa ancora maledettamente male. Tutto. La sconfitta sul campo, bruciante, sonora, inappellabile, e la sconfitta in piazza, dove la paura ha regnato sovrana in corrispondenza degli ultimi scampoli di un incontro che ormai volgeva verso un finale grigio, anzi nero, nerissimo. Adesso è finito tutto. Sta passando il tempo, che guarisce ferite fisiche e morali: le lacerazioni di chi era in piazza si stanno chiudendo, anche il piccolo bimbo cinese sembra stia fortunatamente meglio, e i tifosi in generale stanno metabolizzando l’ennesima finale persa. Insomma, a distanza di qualche giorno, è tempo di azzerare il sistema.

PIAZZA SAN CARLO

Non vi annoieremo ancora con l’ennesimo racconto di quanto accaduto, ne avrete già letti e sentiti in ogni dove. Ma chi scrive era lì, oltre che con le migliaia di tifosi presenti, insieme ai colleghi di SpazioJ e di tante altre testate giornalistiche a raccontare una festa, che poteva essere una potenziale apoteosi e che stava invece lentamente diventando un dramma sportivo. Ma che si è tragicamente trasformata in un dramma umano. La paura personale si sommava a quella negli sguardi degli altri. Una buona fetta di tifo juventino in quella piazza, da ogni parte d’Italia, come se fosse una partita in casa, e forse anche la scarsa conoscenza della città ha contribuito ad aumentare il panico nei momenti critici. Tanti amici e conoscenti risentiti nei minuti, nelle ore, nei giorni successivi, tutti a raccontare soprattutto della grande paura. E qui serve il “reset” più difficile. Addormentarsi senza lo sguardo spaventato di chi ti corre vicino, senza il sangue calpestato sotto i portici, senza la stretta forte al braccio di chi si aggrappa a te per non rimanere solo, senza il tremore del ragazzo che aiuti a far distendere la fidanzata svenuta. Senza paura. La difficoltà maggiore, per assurdo, sarà ripartire sapendo che l’attentato non c’è stato, che l’evento scatenante è stato “niente”, coscienti che il terrorismo è (anche) questo. Aver paura anche del vicino di casa, vivere nel sospetto, non sentirsi sicuri mai da nessuna parte. Siamo stati fortunati, qualcuno più, qualcuno meno, ma poteva andare anche molto peggio. Superare una paura, infondata che sia, è una delle sfide più grandi che deve affrontare l’essere umano. Come detto, il tempo sanerà il tutto.

LA SQUADRA

Il lato prettamente sportivo della vicenda impone un altro “reset”. La testa va staccata, adesso sì, per ricaricare le energie fisiche ma soprattutto mentali e ripulirsi dalle scorie dell’ennesima finale persa, la quinta consecutiva. 1997, 1998, 2003, 2015, 2017: le abbiamo scolpite nella mente. Una sciagura. Il nostro Direttore Nicola Frega ha giustamente rifiutato di parlare di maledizione. E’ stata staccata la spina troppo presto, il “reset” era da fare adesso, non prima della partita. Il secondo tempo di Cardiff ha lasciato tutti interdetti per la pochezza del gioco espresso, e anche delle gambe molli dei giocatori. Molti sono sembrati irriconoscibili, ben lontani dall’essere determinanti come avevano fatto in campionato e nello stesso percorso meraviglioso di Champions fino a sabato. Oggi sono state ufficializzate le maglie nuove ed è appena uscito il comunicato del rinnovo dell’allenatore fino al 2020: bene così, giusto così. Dobbiamo guardare avanti, non serve piangere sul latte versato e il miglior modo per ripartire è inquadrare l’obiettivo Kiev 2018,la sede della prossima finale. Sarà difficile, difficilissimo arrivarci di nuovo, ma si deve puntare a quello. La conferma dell’allenatore è fondamentale, potrebbe diventare il più vincente della storia bianconera e soprattutto ha riportato nella squadra la capacità non solo di stare in Europa ma di sapersela giocare fino in fondo. Il grande passo sarà quello di superare anche quell’ostacolo che sembra invalicabile della finale, che perdiamo sia da favoriti che da underdog. Qualche giocatore ha già rialzato la testa, qualcuno ci metterà un po’ di più a metabolizzare il tutto. Ognuno ha il suo carattere. È bello però vedere che tutti si sono detti fieri di essere giocatori della Juve, e di volerci immediatamente riprovare. It’s time to reset. Nella testa di chi era in piazza san Carlo e nella testa dei giocatori, perché adesso ci sono le vacanze, ma i tifosi saranno ancora qui ad aspettarli per iniziare la nuova stagione insieme, per tornare sereni e per riprovare l’assalto alla Champions da subito. Anzi, c’è già fermento perché si vorrebbe che il calcio non si fermasse mai

Dario Ghiringhelli (@Dario_Ghiro)

Chi Siamo

Spazio J è un giornale online in cui troverai sempre le ultimissime news sulla Juventus Football Club, foto, calciomercato, video, magazine, informazioni utili, prezzi dei biglietti e orari di mezzi di trasporto per lo Juventus Stadium.

Nuovevoci

Appendice sportiva della testata giornalistica "Nuovevoci" - Aut. Tribunale di Torre Annunziata n. 3 del 10/02/2011

Direttore responsabile: Pasquale Giacometti

Iscrizione al Registro degli Operatori per la Comunicazione n. 22640, autorizzazione della Lega Serie A all’esercizio della cronaca audio/video.

Testata non ufficiale, non autorizzata o connessa a Juventus Football Club S.p.A. o I marchi JUVENTUS, JUVE e Juventus.com sono di esclusiva proprietà di Juventus Football Club S.p.A., il cui sito ufficiale è www.juventus.com

Contatti: ufficiostampa@nuovevoci.it

Copyright © 2015 Cierre Media Srl