La grande occasione di Claudio Marchisio: contro il Monaco, spazio al Principino

La grande occasione di Claudio Marchisio

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Ci sono momenti che valgono più di mille occasioni. Quelli di sorpresa, di rivalsa, di grande chance. Una chance di quelle da prendere al volo, soprattutto  quando non è più la normalità. Ecco, questa potrebbe essere la serata di Claudio Marchisio. Contro il Monaco, potrebbe essere lui a fare la differenza, in un palcoscenico che, negli ultimi periodi, lo ha visto poco protagonista.

L’OCCASIONE DI MARCHISIO

Le condizioni a favore ci sono tutte: Khedira squalificato lascia il campo libero al rientro da titolare per il Principino, in Champions. L’occasione è arrivata, la grande occasione. La semifinale che chiama, Claudio che urla. Perché le sue panchine silenti fanno un grande rumore dentro. Il rumore di chi sa di avere alle spalle un brutto infortunio, uno di quelli che possono incidere in maniera pesante sulla carriera. Non è questo il caso, fortunatamente. Marchisio ha avuto quella forza più importante di tutte: la pazienza. La pazienza di non affrettare i tempi, quella di prendersi i propri spazi per ripartire, quasi da zero. E, nel frattempo, tutto il resto andava avanti: passavano i mesi, cambiavano gli interpreti e pure i moduli.

A Vinovo arrivava Pjanic e Allegri sperimentava il 4-2-3-1. Già, due posti soli a centrocampo, con qualcuno che inevitabilmente sarebbe rimasto spesso fuori. Proprio lui, Claudio, che rientrava dall’infortunio e stava ritrovando la strada della forma migliore. Quante panchine, quante. Quante gare importanti vissute da spettatore, in campionato e in Champions. Quanti sguardi impotenti rubati dalle telecamere, proprio a lui che negli ultimi anni aveva vinto da protagonista. Poi la risalita, il fisico che rispondeva bene e le piccole, grandi, occasioni. La gara col Genoa vissuta da Re, da migliore in campo e qualche ricaduta, ma una consapevolezza: il peggio era, ormai, alle spalle.

AL POSTO DI KHEDIRA

khediraGià, il posto da titolare, ormai, è di Sami, uno degli indiscussi protagonisti di questa stagione. Lo stakanovista di Allegri, il metronomo del gioco bianconero che si è mostrato uno dei perni di questo modulo. L’ammonizione, ricevuta contro il Barcellona, equivale ad un turno di riposo forzato. Contro il Monaco, Khedira sconterà la squalifica, cedendo la sua maglia da titolare proprio a Marchisio. Un’anomalia, quasi, che, in un modo o nell’altro, inciderà sulle geometrie del gioco, ma non sul livello di qualità. I due giocatori hanno caratteristiche diverse, ma ognuno, a modo suo, è in grado di far male agli avversari. Al Louis II, toccherà al Principino. E sarà la sua grande occasione, quella che aspettava da tempo. Da quella panchina allo Stadium contro il Barcellona, alla tribuna del Camp Nou. Dalla paura di non farcela, alla voglia di ritornare grande. Dalla consapevolezza di non appartenere a quella panchina, al rispetto verso la maglia, quella di una vita. È il momento di Claudio Marchisio, in silenzio, ma con una voglia dentro da urlare al mondo intero.

CONOSCI SPAZIOJ?

SpazioJ è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioMilan.it e SpazioInter.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy