Juve-Genoa, l'analisi tattica: superiorità imbarazzante dei bianconeri